Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il progetto il 16 Aprile2013

La prospettiva del chilometro zero ha portato anche la grande distribuzione a rivedere la propria politica commerciale.

E dietro a questi nuovi percorsi ci sono catene di vera e propria “resistenza”, che partono dal territorio e finiscono sulla tavola, storie di tradizioni ed economie locali che hanno avuto un’altra chance di potere competere nel mercato, sopravvivere ed evolversi. Sta vincendo su tutti il modello Eataly di Oscar Farinetti, ma guardando al canale tradizionale della grande distribuzione vi sono altrettanti esempi di successo. Come Fior Fiore, progetto di Coop Italia il consorzio che si occupa della contrattazione con l’industria e i produttori, della progettazione e della produzione dei prodotti a proprio marchio, delle politiche di qualità e sicurezza, e degli indirizzi di marketing.


Sergio Soavi

Dedicato alle eccellenze dell’agroalimentare cento per cento italiano, Fior Fiore è la case history che dimostra un cambio di rotta della logica di questa parte del trade, ripagata dal consumatore. E’ nata sei anni fa ed oggi conta 400 prodotti. Nell’ultimo anno ha fatto registrare una crescita a due cifre, l’aumento delle vendite di questa selezione è stato del +14%. Il debutto è avvenuto con il prodotto di punta del Made in Italy, il Parmigiano Reggiano. Oggi la fascia premium Fior Fiore raggruppa, oltre la categoria formaggi, tra cui Dop, storici e presidi Slow Food, anche salumi, conserve, prodotti ittici, della panificazione tradizionale, pasta. Fa il punto su Fior Fiore Sergio Soavi, responsabile prodotti tipici Coop Italia. “Rappresenta per noi un traguardo straordinario che ci ha consentito di creare un legame con chi produce. La Coop si è offerta per fare da cassa di risonanza accompagnando il produttore in questo viaggio - spiega -. Abbiamo ripensato al territorio in cui operiamo. Abbiamo visto che è aumenta sempre di più l'offerta locale qualitativa. Chi ha pagato dazio alle grandi marche è stato superato da un prodotto locale di alta qualità. In questo scenario nasce l'idea del marchio commerciale Fior Fiore".

Tra le 400 referenze Soavi cita tre prodotti significativi, inseriti nella linea, che sintetizzano, o meglio descrivono, la filosofia di questo marchio. Il Pecorino di Farindola è  un formaggio abruzzese frutto di una tradizione antichissima, strappato all'estinzione e oggi presidio Slow Food. Si tratta dell'unico formaggio ottenuto da caglio di suino. Nasce dai pascoli del massiccio del Gran Sasso e da pecore di razza Pagliarola Appenninica. E’ stato selezionato da Coop cinque anni fa e oggi ne vengono vendute in questo canale 23mila forme. Conosciuto anche come il formaggio delle donne, perché da sempre la lavorazione è stata loro appannaggio. “Fior Fiore non annulla il produttore – prosegue Soavi, citando la storia di questo tesoro della tradizione casearia -. Il nostro obiettivo è quello di raccontare e fare conoscere al consumatore su più larga scala prodotti come questi”. Altro progetto voluto per valorizzare il concetto di filiera, che Soavi precisa non “essere un mero slogan”, è quello del prosciutto di San Daniele. “La volontà era quella di recuperare e comunicare l’importanza della materia prima di origine – spiega – abbiamo attivato i nostri tecnici e l’azienda per ricostruire un sistema di allevamento e di alimentazione il più salubre possibile adatto a realizzare prosciutti di alta qualità, che ci consentisse di fare stagionature più lunghe senza pregiudicare al delicatezza del prosciutto. E oggi questo sistema è incarnato dall’azienda Testa&Molinaro”. Per Soavi la filiera è un concetto spesso abusato, quando invece siginifca un ulteriore carico di responsabilità: “Un mettersi – chiarisce ancora – a disposizione reciprocamente nelle proprie conoscenze, non c’è la volontà di sostituirsi a nessuno. La nostra filosofia è quella di mettere a disposizione dell'allevatore una società che si occupa di vendere i suoi prodotti”. E usa la metafora del cinema. “Per capire meglio, è come in un film, tutti conoscono la parte degli altri, richiede competenza e cultura, e anche sforzo da parte di tutti”. Elenca, infine, un ultimo prodotto che è quello con cui ha mosso i primi passi il marchio Fior Fiore: il Parmigiano Reggiano. “C’è stata dietro una grandissima collaborazione con il Consorzio di tutela. Decidemmo  anni fa di fare un Parmigiano Reggiano con stagionatura di 30 mesi, dico la verità sembrava un’idea folle ma ci mettemmo a cercare partner di riferimento. Volevamo il casello giusto, ideale per fare un cru. Lo abbiamo trovato nel casello di Cagnola, nell’alto Appennino reggiano”. La Coop ne sta cercando un altro, ci anticipa Soavi, da affiancare a quello di riferimento per rispondere ad una domanda cresciuta in pochi anni del prodotto. Qualità e territorio diventano quindi colonna portante di uno standard etico che la Coop ha voluto garantire, ed è stata la prima società in Italia e in Europa a farlo, con una certificazione di Responsabilità sociale, la SA8000. Una politica che vuole coinvolgere in prima linea tutti i protagonisti della filiera. I fornitori dei prodotti a marchio Coop e anche i fornitori di materie prime hanno, infatti, aderito a questo progetto etico.

 M.L.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search