Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 13 Luglio2012

Grillo in purezza. Questo vitigno, a buon nome, fa parte della famiglia dei grandi autoctoni siciliani, addirittura alcuni esperti lo considerano come il bianco di maggior avvenire e più grandi futuri successi nell'enologia isolana.

Le sue potenzialità e le sue caratteristiche già ora permettono di vinificarlo in purezza creando vini freschi, dagli intensi profumi, armonici , ben strutturati e capaci di soddisfare piacevolmente i più esigenti palati. Dopo il catarratto il grillo è il vitigno più coltivato nelle campagne del trapanese, dove costituisce anche la base del marsala doc. Inoltre, i vari test effettuati ne dimostrano un'ottima resistenza alle ossidazioni e quindi una longevità interessante.
 
Lo riprendiamo, pertanto, in considerazione, questa volta nella versione che la Casa Vinicola Fazio interpreta per la DOC Erice e degustiamo un Aegades 2011, da poco messo in bottiglia.
Nella ristrutturazione aziendale e commerciale voluta dal direttore Bruno Alvisini, Aegades è inserito nella Selezione dei bianchi, cioè la linea top che comprende anche un catarratto e un'inzolia in purezza; i tre costituiscono gli unici monovitigni bianchi autoctoni inseriti nella DOC Erice.
 
Ma concentriamoci sull' Aegades, il cui nome si ispira chiaramente al famoso arcipelago siculo occidentale. Le vigne sono in media collina sui 350 m, e sono state selezionate per dare il meglio per tipologia di terreno, altitudine, esposizione, e microclima conferitogli dalla vicinanza del mare. La vendemmia, alla corretta maturazione, avviene a mano e l'uva raccolta in cassette per evitare danneggiamenti. Tutti i processi iniziali in cantina sono a temperature molto basse per permettere fenomeni lenti affinchè il mosto si possa arricchire di tutte le caratteristiche dell'uva. Il vino sta in simbiosi con i lieviti per circa quattro mesi. A proposito dei lieviti, l'enologo Giacomo Ansaldi con una punta di soddisfazione ci racconta che tutta l'Azienda da circa 15 anni utilizza lo stesso lievito per i bianchi, oltre ad un altro per i rossi, selezionato in cantina e poi fatto riprodurre dalle aziende specializzate. Quindi anche i lieviti sono autoctoni. Poi altri quattro mesi di affinamento in bottiglia. Degustiamolo con i suoi 13° di alcol.

Il colore è giallo paglierino brillante. Al naso colpisce la potenza del suo bouquet: un cesto di frutta esotica, uno spicchio di mandarino, un grappolo di glicine e qualche viola. Si accompagna una interessante mineralità, una scintilla di pietra focaia e poi tanto mare, un salato che si fonde ed integra perfettamente col floreale e col fruttato.
Al palato arriva una corrente di freschezza arricchita dalla giusta acidità; i sentori virano maggiormente verso la mineralità per poi finire in una lieve nota di piacevole amaro che resta lunghissimo. Il tutto condito da una complessa e magnifica armonia.
 
Le 40.000 bottiglie le trovate nei canali HoReCa ad un prezzo allo scaffale di nove euro.
Gustiamolo alla temperatura di 10° abbinandolo ad un pesto alla trapanese, ad una spigola al sale, ad un caciocavallo di media stagionatura.

Fazio Wines
via Capitano Rizzo 39
91010 Fulgatore- Erice (Tp)
tel. 0923 811700
www.faziowines.it





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search