Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 10 Ottobre2020

di Federico Latteri

Ci troviamo a Barile in provincia di Potenza, nel cuore dell'area di produzione dell'Aglianico del Vulture.

E' una zona collinare caratterizzata dalla presenza di suoli di natura vulcanica che hanno avuto origine dalle colate del Vulture, un vulcano oggi spento la cui ultima eruzione è avvenuta 130 mila anni fa. Il clima qui è di tipo temperato freddo, cioè rigido d'inverno e caldo e soleggiato in estate con notevoli escursioni termiche tra il giorno e la notte. Il vento soffia quasi costantemente, contribuendo a mantenere un ottimale livello di salubrità delle viti. Tutte queste condizioni fanno sì che da queste parti l'Aglianico possa esprimersi al meglio, regalandoci vini di notevole livello dalle caratteristiche uniche. Basilisco nasce negli anni Novanta con un progetto rivolto alla qualità che riscuote successo in breve tempo. All'inizio del 2011 viene acquisita dall'azienda irpina Feudi di San Gregorio che si pone l'obiettivo di valorizzare il Vulture e recuperare le antiche grotte laviche della collina dello Shesh a Barile, cavità usate per lungo tempo come cantine.

(Vulture)

Oggi Basilisco ha sede in un palazzo del Sedicesimo secolo, mentre i suoi vini affinano nelle 8 grotte di proprietà nello Shesh. I vigneti si estendono per 25 ettari tra 450 e 600 metri di altitudine in varie contrade di pregio del territorio di Barile. Le attività produttive si svolgono sotto la guida di Viviana Malafarina che si occupa in prima persona delle operazioni in cantina, mentre Pierpaolo Sirch è l'agronomo che gestisce il lavoro in vigna. Vengono fatte circa 55 mila bottiglie l'anno.

Ci è piaciuto molto l'Aglianico del Vulture Superiore Docg Basilisco 2013, un rosso potente e concentrato, ma anche molto ben equilibrato che risulta più facile da bere di quanto si possa immaginare. E' ottenuto da uve Aglianico cento per cento provenienti da vigneti con esposizione sud est, situati ad altitudini comprese tra 500 e 600 metri sul livello del mare nel territorio di Barile. Le viti, allevate a guyot, si trovano su un terreno vulcanico con importante presenza di tufo e una componente argillosa. La vinificazione prevede fermentazione e macerazione in vasche di acciaio inox per 25-30 giorni. Il vino matura in barrique di primo e secondo passaggio per almeno 12 mesi e successivamente compie un lunghissimo affinamento n bottiglia.

Versato nel calice, offre un colore rosso rubino molto intenso. Ha un naso elegante e profondo nel quale i profumi di amarena, mora e frutti di bosco risultano ben armonizzati con cenni affumicati e delicati sentori balsamici. Il palato mostra chiaramente tutta la forza del vino, un mix perfetto di consistenza e energia. E' pieno, perentorio, strutturato e dotato di viva acidità, tannini robusti e vellutati e un finale lunghissimo e leggermente sapido. Davvero ottimo il bilanciamento tra le varie componenti. A diversi anni dalla vendemmia mostra un'integrità perfetta e un potenziale evolutivo che lo farà sicuramente andare lontano nel tempo. Si abbina molto bene ai piatti a base di carni rosse, alla selvaggina e ai formaggi stagionati.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Basilisco
Via delle Cantine, 22 - Barile (Pz)
Tel. +39 0972 771033
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.basiliscovini.it

IL VINO IN PILLOLE

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search