Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 08 Agosto2014

Aleatico Rosato IGT Salento.

A Salice Salentino, non lontano da Lecce, e in comuni vicini dal 1665 il Duca Oronzo Arcangelo Maria Francesco Conte di Lemos iniziò l’attività vinicola su un vasto podere di 5.000 ettari e relativa cantina. Nell’800 l’azienda già esportava vini e nel 1925 con Piero e Lisetta Leone de Castris, imbottigliava per la prima volta. Il vero boom inizia nel 1943 con la nascita del Five Roses, il primo rosato italiano ad essere messo in bottiglia, che fece conoscere Leone de Castris in tutto il mondo.
 
Nel nome Five Roses c’è l’eco della contrada Cinque Rose nel feudo di Salice Salentino, ma anche quella tradizione legata alla coincidenza che per intere generazioni ogni Leone de Castris ha avuto cinque figli. Sul finire dell’ultima guerra il generale Charles Poletti, commissario per gli approvvigionamenti delle forza alleate, chiese una grossa fornitura di vino rosato che però avesse un nome americano. Così nacque il Five Roses.


il primo Five Roses

Oggi, amministrata da Piernicola, è un’azienda che produce 2,5 milioni di bottiglie, che per la metà vanno all’estero, da 150 ha di proprietà ed altrettanti in affitto, con 27 etichette, suddivise in 6 linee, principalmente da uve di Negroamaro, Primitivo, Aleatico, Malvasia Nera, Syrah, Chardonnay, Malvasia Bianca, Fiano, Verdeca, Sauvignon anche nelle 4 DOC della zona. Oltre ai vigneti l’azienda, che spazia su 4 province, possiede uliveti, seminativi e pascoli.
Accanto all’attività agricola un Resort, Villa Donna Lisa, ricavato da un’antica dimora e un Museo del Vino. Attenta l’accoglienza che comprende, per gruppi, visite guidate con degustazioni.


Piernicola Leone de Castris

La cantina ci ha inviato per la recensione un altro rosato, Aleikos, compreso nella linea “Nuovi vini di Pregio” nel millesimo 2013. L’enologo è Marco Mascellani e l’azienda utilizza anche la consulenza di Riccardo Cotarella. Il vigneto, giovane, a pochi metri sul mare in Salice Salentino è a cordone speronato con 5.500 ceppi/ha. La vendemmia a mano dopo Ferragosto e le uve a seguito di una soffice pigiadiraspatura sono sottoposte a macerazione pellicolare (8-10 °C) per alcune ore, a cui segue l’estrazione del mosto fiore e la successiva fermentazione a temperatura controllata con lieviti selezionati. Affinamento in acciaio e dopo una filtrazione sterile il vino riposa in bottiglia per almeno 2 mesi.

Versato nel calice Aleikos, il cui nome richiama il vitigno in purezza utilizzato, manifesta un bel colore rosa antico. Al naso è un goloso cesto di frutta esotica, ananas, pompelmo, accompagnato  da una delicata mineralità e da qualcosa di erbaceo e di frutti di bosco. E’ fine, elegante, di eccelsa franchezza. Al palato colpisce l’equilibrio aromatico, acido, minerale. Nessun parametro prevale sugli altri in un insieme fresco ma di robusta struttura. E’ lungo, piacevolissimo. Dimostra che Leone de Castris sa fare altri rosati oltre al Five Roses.

Vino che in estate si può bere anche a 8-10 gradi, che può diventare quasi universale e che ha solo 11° alcolimetrici. Noi lo proponiamo per accompagnare una pasta alla norma, sgaloppine alla pizzaiola, frittura di calamari, frittata alle erbe, scamorza affumicata. Ne sono state tappate 10.000 bottiglie che in enoteca trovate a 11 euro.

Leone de Castris
via Senatore de Castris 26 
Salice Salentino (Le)
tel. 0832 731112
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.leonedecastris.com





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search