Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 27 Giugno 2020
di Giorgio Vaiana

di Federico Latteri

Cinquecento ettari di vigneti, 250 di proprietà e 250 in conduzione, 70 mila quintali di uve lavorate l'anno e più due milioni e mezzo di bottiglie prodotte e commercializzate sui mercati di oltre trenta paesi stranieri: sono i numeri di Torrevento, una delle aziende più importanti della Puglia e del Sud Italia.

Non solo cifre rilevanti, ma anche una filosofia rivolta alla qualità, alla sostenibilità ambientale e alla valorizzazione delle peculiarità territoriali. Sono numerose le certificazioni presenti, da quelle Uni En Iso con la prima ottenuta nel 1999 a quella sul biologico, per poi passare all' Equalitas che attesta la sostenibilità nella filiera vitivinicola sotto i profili ambientale, etico ed economico e che è posseduta da pochissime cantine italiane.

La storia di Torrevento inizia nel 1948 con l'acquisto da parte della famiglia Liantonio di una proprietà costituita da un antico monastero e 57 ettari di vigneto, situata ai piedi di Castel del Monte, territorio dove oggi si trova il nucleo principale dell'azienda. Da allora i progressi sono stati continui, soprattutto sotto la guida di Francesco Liantonio, attuale presidente.

Acquisizione di vigneti in diverse zone della Puglia, impianto e valorizzazione di vitigni autoctoni, costruzione di strutture moderne per la vinificazione e l'affinamento, collaborazioni con le università per ricerca e sperimentazione e una presenza sempre più diffusa sui mercati sono solo alcune delle attività che hanno caratterizzato gli ultimi anni. Non sono mai mancati i riconoscimenti da parte della stampa specializzata e degli addetti ai lavori.

La gamma di etichette proposte è composta da numerose referenze con bianchi, rossi e rosati di varie denominazioni pugliesi. Particolare attenzione è rivolta ai vini da Nero di Troia, varietà che viene declinata in tanti modi. Ricordiamo il Castel del Monte Riserva Docg Vigna Pedale e il Nero di Troia Castel del Monte Docg Ottagono. Anche il Bombino Bianco e il Bombino Nero stanno fornendo risultati interessanti.

(Bombino Bianco)

Degustiamo il Bacca Rara 2019, un bianco che ha nel perfetto bilanciamento tra freschezza e consistenza il suo punto di forza. E' un blend costituito da uguali percentuali di Bombino Bianco e Chardonnay. Le uve provengono da vigneti situati sulle colline dell'area nord barese. Le viti si trovano su un terreno di natura calcarea ad altitudini comprese tra 450 e 500 metri sul livello del mare e sono allevate a cordone speronato. La densità d'impianto è di 5 mila ceppi per ettaro con rese che si attestano intorno agli 80 quintali. La vendemmia viene effettuata manualmente durante la seconda decade di settembre. La vinificazione prevede pressatura soffice e fermentazione a temperatura controllata. Il vino affina in acciaio per 6 mesi e per altri 6 matura in barrique. E' previsto anche un breve periodo di permanenza in bottiglia prima della commercializzazione.

Versato nel calice, offre un colore giallo paglierino con tenui riflessi dorati. E' intenso all'olfatto con frutta esotica, specialmente a polpa gialla, fiori, una nota di vaniglia, un cenno burroso e un leggero tocco balsamico di menta. In bocca è morbido, strutturato e molto ben equilibrato. Pieno il gusto e lunga la persistenza. E' una sintesi fra la tradizione, espressa con una varietà tipica di questi luoghi e un gusto più moderno basato su avvolgenza e rotondità. Da abbinare a diversi piatti della cucina di mare, soprattutto alle fritture di pesce. Può essere bevuto anche da solo nei momenti di relax.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Torrevento
Sp 234 - km 10,600
70033 Corato (Ba)
tel. +39 080 8980923
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.torrevento.it

IL VINO IN PILLOLE

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

2) Gnocchi ripieni di baccalà mantecato, gamberi e spugnole

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search