Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 14 Settembre2012

Nero d'Avola. Del vitigno siciliano più famoso, di quello che ha lanciato l'enologia isolana nel mondo abbiamo detto qualcosa qui. Ma ci tocca aggiungere qualcosa e questa volta parliamo delle sue origini.

Il Nero d'Avola è detto anche Calabrese e ciò vorrebbe indicare una sua origine dalla punta dello stivale. Ma subito si innesca una gentile guerra d'opinioni in quanto c'è la teoria, che noi da bravi siciliani sposiamo in pieno, che il nome Calabrese sia derivato da una storpiatura. Infatti molti secoli fa si parlava di un vino Calavulisi proveniente dalla zona di Avola e questo nome era la sintesi di calau, dialetto che significa scese, proviene, e Avulisi che significa di Avola. Di bocca in bocca ecco l'evoluzione: Calau Avulisi > Calavulisi > Calavrisi > Calabrisi > Calabrese. Voi potete dubitarne, noi ve l'abbiamo raccontato lo stesso. Comunque il vino siciliano per antonomasia non può che essere siciliano.

Oggi parliamo di un NdA in purezza il Centouno rosso IGT Sicilia 2010 di Viticultori Associati a Canicattì, in provincia di Agrigento. Questa è una cantina sociale che produce 50.000 q/anno di uve, 900.000 bottiglie e 10.000 ettolitri di sfuso di qualità che vende principalmente in propri punti vendita. Il presidente Giovanni Greco ci parla con orgoglio di questo territorio assolato, di terreni ricchi di zolfo e potassio che arrivano fino ai 600 metri, di 1000 soci che hanno aderito alle prescrizioni della cooperativa volte ad ottenere uve adatte a produrre buoni vini, della cantina che si è profondamente rinnovata tecnologicamente. L'enologo è Angelo Molito che si avvale della consulenza di Tonino Guzzo.
 
Il Centuno fa parte della linea medio-alta e proviene da vigne in terreni ricchi di calcare, allevate a cordone speronato con resa media di 85q/ha vendemmiate con inizio nella metà di settembre.

La macerazione è di 10 giorni e per la fermentazione a 26° si usano tini in acciaio e in cemento. Poi 8-10 mesi in barili di rovere e un riposo di 6 mesi in bottiglia borgognotta. E ora passiamo all'assaggio.

Il colore è rosso granato intenso e a bicchiere fermo l'olfatto avverte cioccolato, note vegetali, poca amarena; ossigenando si trasforma in un vino complesso, diventa difficile distinguere i profumi per l'equilibrio sensoriale che sprigiona, comunque si avvertono la ciliegia, note balsamiche, tabacco, pepe nero, caffè, mandorla tostata, un bouquet avvolgente, profondo, da vino maturo.
Al gusto si ritrova l'eccellente armonia, è austero, potente con i suoi 14°, i tannini appena avvertiti e l'amaro quasi assente. Alla retrolfatazione si ritrovano i frutti rossi che rimangono a lungo. Insomma un vino che ha già raggiunto il meglio di sè.
Sono 40.000 bottiglie nei canali Horeca che si trovano allo scaffale a soli 10 euro, un prezzo dall'eccellente rapporto con la qualità e la piacevolezza.

Un vino rosso facile da abbinare che abbiamo apprezzato con una zuppa di fagioli freschi ed ortaggi, con una succulenta T-bone alla griglia e con un gorgonzola Dop.

C.S. Viticultori Associati
Contrada Aquilata
92024 Canicattì (Ag)
tel. 0922 829371
www.viticultoriassociati.it





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search