Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 22 Ottobre2016

di Gianni Paternò

Vinci è la città che ha dato il nome al genio Leonardo.

Lì nel 1961 è nata una cooperativa che allora era di 30 soci che possedevano 70 ettari di vigneti. Dare il nome alla cantina fu facilissimo: sì chiamò Leonardo da Vinci. Per avere successo, per dare orgoglio e reddito ai suoi soci, non bastava l’intestazione, serviva fare buon vino e saperlo vendere, cosa che riuscì bene. Tanto che nel frattempo i soci diventarono 200 e gli ettari 750.

Nel 1988 si acquistò in proprietà la Fattoria Montalbano con 110 ettari di cui 80 a vigneti comprendente un piccolo borgo millecentesco e una elegante villa del cinquecento, Casale di Valle, che, restaurata, è diventata la sede di rappresentanza. La cooperativa non si fermò e acquisì nel 1990 un’altra cooperativa: la Cantina di Montalcino con altri 160 ettari di vigneti di cui 70 destinati a Brunello.


(Casale di Valle)

Oggi Cantine Leonardo da Vinci commercializza 6 milioni di bottiglie destinate all’estero per il 70%. E' guidata da un nuovo CdA presieduto da Lorenzo Melani che è collaborato dal direttore generale Gianni Zipoli, dall’agronomo Andrea Meini, dall’enologo Riccardo Pucci. La squadra di tecnici guida e segue il lavoro in campagna da parte dei soci che vengono retribuiti sulla base della qualità delle uve conferite. Nella sperimentazione è coinvolta anche l’Università di Firenze. Uno dei soci fa anche 43 mila bottiglie di Chianti Bio.


(Lorenzo Melani)

Il territorio della cantina si distende in gran parte sulle pendici del Montalbano, un territorio particolarmente vocato e ricco di minerali, dove c'era il mare milioni di anni fa e dove le correnti marine risalgono la valle dell’Arno. Siamo nell’areale delle Docg Chianti e Chianti Classico. La fa da padrone il Sangiovese, ma non mancano altri vitigni quali Merlot, Syrah, Canaiolo, Chardonnay, Trebbiano. Particolare attenzione è dedicata all’ospitalità con tour guidati e un’enoteca, Dalle Vigne che, oltre a permettere di degustare i propri vini, ha negli scaffali oltre 300 vini da tutto il mondo.

Dei Chianti degustiamo il top il Da Vinci Selezione Speciale Riserva fatto con Sangiovese 85%, Merlot 10%, altre rosse 5%. Vigneti di una decina di anni nei comuni di Vinci e Cerreto Guidi, dolci pendii che arrivano fino ai 120 metri di quota, da cui si scelgono i migliori, in genere gli stessi. La vendemmia si fa anche meccanica in quanto in determinate condizioni la sua rapidità diventa essenziale. Non bastando la selezione in campo in cantina, si analizzano ulteriormente le partite, declassando quelle non ottimali, fermentazione in acciaio con lieviti selezionati per 12-14 giorni con rimontaggi e delestage per estrarre il massimo delle componenti polifenoliche. Dopo la svinatura il vino va in serbatoi in acciaio e in cemento dove decanta e fa la fermentazione malolatttica. Verso gennaio il 60% è posto in barrique e a novembre, miscelato e filtrato, è imbottigliato affinando altri 6 mesi.

Nel calice il colore è rosso rubino tendente al porpora. Un olfatto piacevolmente ed intensamente fruttato di more, prugne, amarene non solo in confetture, qualcosa di erba secca, un pò di spezie e cioccolato, perfettamente franco e tanto interessante. In bocca entra asciutto, ma con tannini già ammansiti, un’acidità in giusta misura, un’alcolicità che va crescendo sempre in armonia, una fragranza che richiama i frutti, lungo e piacevolissimo.

Abbiniamolo con una pasta fagioli e cotiche, una succulenta bistecca ai ferri o una cotoletta di maiale, qualche fetta di finocchiona, un pecorino di media stagionatura. Sono 60 mila le bottiglie che allo scaffale trovate a 13 euro o che potete acquistare online nel sito di Dalle Vigne, la società che distribuisce l’intera produzione della cantina. Anche in questo caso un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Rubrica a cura di Salvo Giusino 

Cantine Leonardo da Vinci
via Provinciale di Mercatale 291
50059 Vinci (Fi)
tel. 0571 90244
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cantineleonardo.it
www.enotecadallevigne.com

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search