Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 02 Luglio2022

Cirò Doc Rosso Classico Superiore Riserva

di Federico Latteri

Librandi è un nome che fa parte della storia della Calabria del vino. La cantina, da sempre a gestione familiare, oggi vede impegnata la nuova generazione con Raffaele, Paolo, Teresa e Francesco Librandi che insieme a Nicodemo, fondatore con il fratello Antonio dell'attuale azienda, dirigono le varie attività lavorative.

(Raffaele, Paolo, Nicodemo, Teresa e Francesco Librandi)

Ci troviamo nella parte nord orientale della provincia di Crotone, dove si trovano la più importante e conosciuta denominazione della regione, la Doc Cirò e la Doc Melissa. La proprietà si estende per 350 ettari di cui 232 di vigneti, 80 di oliveti e il resto di bosco. E' divisa in 6 tenute: Rosaneti, la proprietà più grande con 155 ettari di vigneto, situata a 110 metri di altitudine nei comuni di Rocca di Neto e Casabona, Arcidiaconato a Strongoli, Ponta, 22 ettari a 80 metri sul livello del mare nella zona collinare storica del Cirò, Pittaffo a Crucoli, 10 ettari nella parte settentrionale della Doc, San Biase nell’immediato entroterra della denominazione e infine Brisi, un piccolo vigneto di un ettaro e mezzo nell’omonima zona del centro abitato di Cirò Marina. Vengono coltivate varietà autoctone come Gaglioppo, Magliocco, Greco Bianco e Mantonico e vitigni internazionali come Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Chardonnay e Sauvignon Blanc.

(Tenuta Rosaneti)

Grande attenzione è rivolta alla salvaguardia della biodiversità vitivinicola calabrese e alla sostenibilità, intesa come impegno sociale, economico ed ambientale. Annualmente vengono prodotte 2 milioni e mezzo di bottiglie, di cui circa il 50 per cento viene venduto all'estero. Diverse le referenze proposte con vini Doc Cirò, Doc Melissa e Igt Calabria.

(Tenuta Ponta)

Degustiamo l'annata 2019 del Cirò Doc Rosso Classico Superiore Riserva Duca Sanfelice, il vino più rappresentativo della cantina, sia per il suo valore storico (viene prodotto dal 1983) che per il legame con il territorio. E' ottenuto da uve Gaglioppo cento per cento provenienti da vecchi vigneti ad alberello con densità d'impianto di 5 mila ceppi per ettaro che si trovano su terreni argilloso-calcarei. Le rese si attestano intorno agli 85 quintali di uva per ettaro.

(La cantina)

La tenuta Ponta rappresenta il cuore pulsante di questo rosso. Qui, negli anni '50, Raffaele Librandi, padre di Antonio e Nicodemo, piantò le vigne che oggi costituiscono la memoria storica dell'azienda. La vendemmia ha luogo durante la prima decade di ottobre. La vinificazione prevede una fermentazione a temperatura controllata in serbatoi di acciaio inox con 7-10 giorni di macerazione sulle bucce. Il vino ottenuto affina per due anni in acciaio. Prima dell'immissione in commercio sono previsti alcuni mesi di permanenza in bottiglia.

Nel calice il Duca Sanfelice 2019 si presenta di colore rosso rubino intenso. Ha un naso pulito e variegato nel quale i profumi di frutta rossa matura vengono impreziositi da una sottile speziatura che vede chiodi di garofano e cannella in evidenza e da un tocco di sottobosco. Il sorso è fresco, disteso, ma anche ben strutturato e provvisto di tannini levigati, presenti nella giusta misura. Regolare la progressione che conduce ad una chiusura lunga e leggermente minerale. E' già buono, ma evolverà ancora per alcuni anni che regaleranno complessità e maggiore morbidezza tannica. Bevetelo con grigliate di carne di vario genere, maiale arrosto o al forno, selvaggina, formaggi stagionati e pietanze a base di funghi porcini.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Librandi
Strada statale 106, contrada San Gennaro
Cirò Marina (Kr)
T. 0962 31518
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.librandi.it

IL VINO IN PILLOLE 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search