Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 02 Febbraio2019

di Federico Latteri

Ci troviamo nella Sicilia sud orientale, area storicamente nota per la coltivazione del Nero d’Avola. 

Il clima caldo e secco, l’intensità dell’irradiazione solare, i particolari suoli e la vicinanza del mare sono tutti fattori che permettono di ottenere rossi dalla personalità unica in un contesto nel quale la vite va facilmente in stress, ma, proprio per questo, riesce a dare grandi risultati.

Riofavara nasce nel 1920 come azienda viticola per poi diventare, nel 1994, vitivinicola. Massimo Padova, l’attuale titolare, dirige le attività seguendo una filosofia produttiva basata su territorio e rispetto per la natura con uno sguardo ragionato nei confronti delle tecnologie che permettono di ottenere in cantina il meglio dalla materia prima.


(Massimo Padova)

La superficie vitata, 16 ettari in tutto, si trova nei comuni di Ispica e Noto ed è divisa in 6 appezzamenti situati in contrade di riconosciuto valore. Le pratiche agricole vengono effettuate seguendo i principi dell’agricoltura biologica ed è presente la certificazione Bioagricert. Si tratta di un aspetto molto importante poiché è proprio attraverso il rispetto dell’ambiente e la conoscenza dei cicli naturali che si riescono ad ottenere prodotti di grande qualità e tipicità.

Vengono coltivate varietà autoctone come Nero d’Avola, Moscato Bianco, Inzolia e Grecanico, accanto alle quali si trovano alcune tipologie di vitigni siciliani reliquia, sia a bacca bianca che a bacca rossa. Per la parte enologica l’azienda sia avvale della preziosa ed importante collaborazione di Graziana Grassini.

L’Eloro Dop Spaccaforno 2015 da noi degustato è un rosso autentico e ben fatto che mostra in modo evidente lo stretto legame con il territorio. Le uve, Nero d’Avola più una piccola percentuale di vitigni reliquia, provengono da 4 ettari di vigneti distribuiti in varie località: contrada San Basilio e contrada Buonivini, dove le viti vengono allevate ad alberello e contrada Miucia, dove troviamo sistemi a spalliera. Il suolo è costituito da terreni di medio impasto tendenti al calcareo e la resa massima è di 1,8 chili di uva per pianta. La vendemmia viene effettuata manualmente con un’attenta selezione a metà settembre.

La fermentazione si svolge in ampi tini di vetro-cemento con il controllo della temperatura e l’utilizzo di lieviti propri. Il vino matura almeno un anno in piccole botti, per l’80 per cento di secondo passaggio e per il 20 per cento di terzo. Segue una fase di affinamento in acciaio ed infine in bottiglia per 12 mesi prima dell’immissione in commercio. Lo Spaccaforno ha colore rosso rubino carico. E’ pulito e piacevole al naso con profumi di prugna, ciliegia, fini sentori di macchia mediterranea e una nota marina iodata. In bocca è fresco, equilibrato e dotato di un gusto intenso e variegato. Delicati e ben levigati i tannini e lungo il finale nel quale è presente una punta sapida. Il suo carattere solare e mediterraneo viene trasmesso con armonia, senza alcun eccesso nella maturità del frutto. Si abbina bene ad arrosti di carne, specialmente di agnello e maiale e a formaggi con media e lunga stagionatura.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Riofavara
Contrada Favara - Ispica (Rg)
tel. +39 0932 959839
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.riofavara.it

IL VINO IN PILLOLE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search