Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 09 Maggio2020

di Federico Latteri

Ci troviamo a Paternopoli in Irpinia, nell'area della Docg Taurasi.

Fonzone nasce nel 2005 per volontà di Lorenzo Fonzone Caccese e della sua famiglia con l'obiettivo di produrre vini di alta qualità da un territorio unico. La proprietà, inizialmente costituita da un terreno quasi interamente incolto, in pochi anni viene trasformata in una bellissima tenuta con vigneti, alberi da frutto e ulivi. E' stata costruita una moderna cantina quasi interamente ipogea che consente di vinificare le uve e affinare i vini nel migliore dei modi.

Attualmente l'estensione complessiva della superficie vitata è di 30 ettari e mezzo. A Paternopoli l'Aglianico, il Fiano e la Falanghina sono stati piantati ad altitudini comprese tra 360 e 430 metri sul livello del mare sui due versanti della collina dove è situata l'azienda. Qui il terreno è argilloso-calcareo con porzioni di origine sedimentaria a tessitura più sciolta.

Le uve per il Greco di Tufo e il Fiano di Avellino provengono da vigneti situati rispettivamente a Santa Paolina e Lapìo, entrambe località importanti nell'ambito di queste denominazioni. La filosofia produttiva si basa su una viticoltura sostenibile con l'obiettivo di salvaguardare sia l'ambiente che la salute del consumatore. Vengono prodotte circa 80 mila bottiglie l'anno. La gamma di etichette è composta da rossi tra i quali spicca il Taurasi Riserva Scorzagalline, vino di punta dell'azienda e da bianchi fatti con Fiano, Greco o Falanghina.

Degustiamo il Greco di Tufo Docg 2018, un vino ben riuscito che ha nella versatilità il suo punto di forza. Le uve provengono da un vigneto impiantato nel 1994 a Santa Paolina. Ci troviamo ad un'altitudine di 500 metri sul livello del mare su un terreno argilloso-sabbioso con presenza di venature sulfuree. L'esposizione è a sud ovest, il sistema di allevamento utilizzato è la spalliera con potatura a guyot e la densità d'impianto è di 2.600 ceppi per ettaro con rese che si aggirano intorno ai 70 quintali. La vendemmia si svolge durante la prima decade di ottobre. I grappoli vengono raccolti a mano, trasportati in cantina in piccole cassette, attentamente selezionati e infine sottoposti a pressatura soffice. La fermentazione alcolica, effettuata a bassa temperatura, dura all'incirca 30 giorni. Il vino affina in serbatoi di acciaio inox per 5 mesi con batonnage periodici.

Versato nel calice, offre un colore giallo paglierino con riflessi dorati. E' intenso e pulito all'olfatto con profumi di frutta a polpa bianca, ananas, erbe di campo, fiori d'arancio e un cenno di pietra focaia. Segue un sorso fresco, dinamico, disteso, minerale e lungo. Ottimo l'equilibrio che vede una discreta struttura ben snellita dal binomio acidità-sapidità. Nel finale riscontriamo una piacevole nota sulfurea. Evolverà ancora per alcuni anni. E' adatto a tante occasioni, ma dà il meglio di sé a tavola, dove si presta ad un gran numero di abbinamenti: cucina di mare a trecentosessanta gradi, ma anche antipasti e primi piatti delicati, oppure mozzarella di bufala e altri formaggi freschi.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Fonzone
Località Scorzagalline - Paternopoli (Av)
T 0827 1730100
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.fonzone.it

IL VINO IN PILLOLE

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search