Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 07 Agosto2021

di Federico Latteri

Ci troviamo nel Sud-Est della Sicilia, all'interno del territorio di Noto, un'area ricca di storia, arte, tradizioni e paesaggi incantevoli.

Cozzo del Parroco nasce da una scelta di vita, dettata dall'esigenza di un profondo cambiamento che conduce Daniela Barbera e Antonello Scacco ad acquistare un terreno in contrada Buonivini per poter trascorrere le giornate in mezzo alla natura, seguendone i ritmi e apprezzandone la bellezza. I vigneti, 2 ettari in tutto, sono stati impiantati privilegiando le varietà autoctone e il sistema di allevamento ad alberello: il Moscato bianco si trova su un suolo di natura calcarea, mentre il Grillo e il Nero d'Avola crescono su un terreno fertile di medio impasto.

(Il vigneto)

Le pratiche agricole vengono svolte secondo i principi dell'agricoltura biologica e dal 2015 è presente la certificazione. Sin dall'inizio è stata rivolta grande attenzione al mantenimento della biodiversità, attraverso l'integrazione delle nuove colture con le specie vegetali già presenti sul territorio. Viene prodotto anche un ottimo olio extravergine di oliva.

Un rudere presente nella tenuta è stato restaurato e oggi è diventato una piccola residenza dove è possibile soggiornare circondati dalla campagna in un'atmosfera familiare. L'azienda possiede terreni in altri due siti, Ragusa e Castelvetrano in provincia di Trapani, raggiungendo insieme alla proprietà di Noto un'estensione complessiva di quasi 14 ettari.

Uno solo il vino presente sul mercato al momento, l'Hortus, un Grillo in purezza che a partire dalla vendemmia 2021 verrà affiancato da un rosso a base di Nero d'Avola e da un Moscato. L'Hortus 2020 da noi degustato rappresenta la seconda annata di produzione. La tiratura è molto limitata, meno di 1.500 bottiglie numerate a mano. Le uve provengono da un vigneto di 0,7 ettari situato ad un'altitudine di 43 metri sul livello del mare in contrada Buonivini a Noto. Le viti sono allevate ad alberello appoggiato con densità di 5 mila ceppi per ettaro. Basse le rese che si attestano intorno ai 40 quintali per ettaro. La vendemmia è stata effettuata a mano in piccole cassette il 25 agosto. La vinificazione prevede una pressatura soffice, seguita dalla fermentazione che si protrae per 10 giorni a 16 gradi centigradi in silos di acciaio inox, dove poi il vino affina per un breve periodo.

Nel calice l'Hortus si presenta limpido, brillante, di colore giallo paglierino. E' pulito e delicato all'olfatto con profumi di fiori bianchi, un tocco di erbe di campo, pesca, melone bianco e una leggerissima nota mentolata. Da subito si percepisce un profilo sobrio e armonico. Il sorso è fresco, ben equilibrato, dotato della giusta consistenza, un po' sapido e discretamente lungo. Gusto prevalentemente fruttato di buona intensità. Può essere abbinato a diversi piatti della cucina di mare: antipasti e primi di ogni genere, soprattutto quelli a base di molluschi e crostacei, oppure secondi di pesce dal gusto leggero.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Cozzo del Parroco
Contrada Buonivini - Noto (Sr)
T. 0931 967443
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cozzodelparroco.it

IL VINO IN PILLOLE

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search