Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 09 Gennaio2016

Albana di Romagna Docg secco

Nonno Pietro, ingegnere siciliano emigrato da studente al nord, nel tempo libero dalla sua attività industriale si ritirava a Bertinoro, nelle colline romagnole dove 3 ettari di tante coltivazioni circondavano la casa padronale ed un casale in cui era stata ricavata una minuscola cantina dove si faceva il vino della propria vigna ad uso della famiglia e degli amici. "Saltando" il padre arriviamo a Giovanna Madonia che, appassionata di vulcani, se ne era specializzata a seguito della laurea in geologia.


(Giovanna Madonia) 

Giovanna avrebbe voluto girare il mondo seguendo eruzioni, ma contemporaneamente si dedicò a fare figlie, ben quattro, per cui la sua vocazione girovaga fu riposta nel cassetto. Forse perchè geologia significa territorio, pensò di dedicarsi al microcosmo della tenuta di famiglia e di restringere il campo alle vigne. Acquistò altri ettari, ne studiò la fitopedologia, estirpò i vecchi vigneti, ne impiantò di nuovi e nel 1992 fondò col suo nome l’azienda.


(Uno dei vigneti della tenuta Madonia) 

Oggi gli ettari ad uva sono 14 in 3 corpi che circondano le case, per la maggior parte ad alberello romagnolo dal portamento alto, coltivati secondo i principi della lotta integrata tra le quote di metri 200 e 350 in terreni essenzialmente calcarei, battuti da venti che originano non dal lontano mare, che d’estate diventano caldi. Tre i vitigni: Sangiovese, Albana in aumento e un poco di Merlot dove è tutto calcare. Nel 1995 la prima vendemmia, appena realizzata la nuova cantina in parte in un esistente magazzino nonchè nei sotterranei della villa. Le etichette dovrebbero essere 8 a regime, ma succede che in alcuni anni diventano 6 perchè non si fanno i passiti.

Degustiamo Neblina, un Albana nella tipologia secco. Il vitigno è tipico della Romagna, anzi proprio della zona attorno a Bertinoro, apprezzato nell’antichità tanto che una leggenda racconta che per la sua bontà “bisogna berti in coppa d’oro” e da lì venne il nome del paese di Bertinoro. L’Albana, prima Docg bianca nazionale, in genere dà vini non particolarmente ricchi di profumi, più conosciuti come dolci e passiti, ma Giovanna, aiutata dagli enologi Attilio Pagli e Leonardo Conti, sta puntando sulla tipologia secco, iniziata nel 2000 poi abbandonata e ripresa nel 2009 con grande successo all’estero. Vendemmia, con una resa di soli 50 quintali per ettaro, verso il 20 di settembre, in cantina l’uva è pressata molto lievemente e dalla sgrondatura con poca resa il mosto primo fiore fermentata con lieviti selezionati senza controllo della temperatura; poi il vino riposa in acciaio senza svolgere la fermentazione malolattica. Nella primavera, dopo una filtrazione robusta per eliminare il residuo zuccherino che potrebbe provocare rifermentazioni, viene imbottigliato e vi permane per 5 mesi almeno.

Versato nel calice il colore è giallo tendente al dorato. All’olfatto è timido, con sentori poco intensi, tipico del vitigno, di melone, pesca, erba secca, franco e pulito su un sottofondo di glicine. E’ in bocca che cambia passo, si rivela interessante, secco, strutturato e piacevole, sapido, di buona mineralità e corretta acidità, ampio e lungo. Vino dai toni seri che invoglia a bere, che definiremmo, "politically incorrect", maschile.
 
Vino da abbinare al pesce, alle carni bianche, ai legumi; noi lo consigliamo con pasta margherita al pesto di basilico, con pleuroti alla piastra, con una zuppa di ceci, con un formaggio stagionato, un vino che non deve perdere chi non ama i vini profumati. Le bottiglie sono da 4.000 a 5.000 secondo le annate e allo scaffale si trovano a 9 euro, un prezzo favorevole se si considera la bassissima resa dell’uva e del vino.
 

Giovanna Madonia
via de’ Cappuccini 130
47032 Bertinoro (Fc)
tel. 0543 444361
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.giovannamadonia.it

 





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search