Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 05 Marzo2016

Basilicata Igt

di Gianni Paternò

Taverna è una contrada di Nova Siri nella Basilicata che guarda verso lo Ionio, non distante dalla Puglia. A Taverna già nel dopoguerra Pasquale Lunati aveva una grande azienda agricola: cotone, liquirizia, agrumi, pesche, foraggi ad allevamenti per latte e carne costituivano la sua attività e cominciò anche a piantare vigne. Un’azienda familiare di 280 ettari dove nel tempo l’evoluzione si è indirizzata verso la qualità, verso il biologico. Un’azienda dove gli attuali proprietari sono agronomi: Pasquale ed il padre Egidio, coadiuvati da altri agronomi e dove la scienza affianca l’esperienza. Con la scienza dell’Istituto di Enologia di Conegliano Veneto dagli anni '80 si è dato un assetto razionale ed efficace ai 20 ettari di vigneti comprendenti Aglianico, Primitivo e Greco oltre ai classici internazionali. Vigneti vicino al mare ed a quote che al massimo arrivano ai 120 metri.

(Pasquale Lunati) 

Nel 1992 viene acquisita una nuova Tenuta: Valle Rita, proprio limitrofa alla Puglia, arance e clementine, tutte in bio ed attorno alla storica torre grecata normanna si realizza un complesso agrituristico dove praticamente c’è di tutto: la parte agricola e zootecnica, piscina, tennis, ristorante, appartamenti.

(Borgo Valle Rita) 

Una volta collaudate le uve e sperimentata la vinificazione nel 2007 si realizza la nuova cantina, interessante anche sotto l’aspetto architettonico, dove regnano la temperatura controllata e l’azoto per allontanare l’ossigeno quando questo costituisce una minaccia. In cantina sono ben accette le visite e le degustazioni delle 8 etichette. L’enologo interno è Patrizio Clori che si avvale della guida costante da parte di Emiliano Falsini. Le bottiglie sono 100 mila che per l’80% hanno preso il passaporto per l’estero.

(La cantina) 

I 2 ettari di Primitivo a Guyot si trasformano per metà in rosso e l’altra in rosato. Degustiamo il rosso la cui uva è vendemmiata a mano nei primi di settembre, fatte rinfrescare per 48 ore a 13° nelle ampie celle frigorifere che servono normalmente per la frutta.

(Grappoli di Primitivo) 

Dopo la diraspatura e la pigiatura la vinificazione avviene in tini orizzontali ruotanti lentamente a temperatura costante e con piccola immissione di ossigeno fino a 15 giorni. I lieviti, come per tutti i rossi da oltre 5 anni, sono spontanei e l’affinamento avviene in solo acciaio fino a maggio e dopo per un anno in bottiglia. Irrisori i solfiti aggiunti, al massimo 20 milligrammi per litro.

Versato nel bicchiere il colore è rosso rubino allegro ed intenso con ampie sfumature viola. Al naso un buon spessore di frutta rossa, prugna ed amarena su tutti, spezie con evidenza di pepe nero, qualcosina di vegetale. Franco e piacevole. In bocca è addirittura migliore: bella fragranza, ottima struttura, acidità e tannini rotondi, lungo con una caratteristica tutta sua: un’interessante commistione di dolce ed amaro che equilibrandosi a vicenda lo rendono avvincente ed invitante alla bevuta.

Abbiniamolo con primi gustosi, con carne in vari modi, con una provola di vacche podoliche. Le bottiglie sono 10 mila ed il prezzo interessante è di 8 euro. Un Taverna che non è affatto da taverna, un rosso che dimostra ancora una volta che non è indispensabile il legno per fare un buon vino.
 

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Taverna Soc. Agr.
località Taverna
75020 Nova Siri (Mt)
tel. 083 5877083
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.aataverna.com
www.vallerita.com













 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search