Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 22 Agosto2020

Valtellina Superiore Docg

di Federico Latteri

E' impossibile oggi parlare di vini della Valtellina senza citare Nino Negri, il marchio più conosciuto e rinomato del settore che è sintesi di tradizione, tecnologie all'avanguardia e alta qualità. Fondata nel 1897, la cantina venne gestita per più di sessant'anni dalla famiglia Negri, poi fu venduta alla società svizzera Winefood e infine ceduta da quest'ultima al Gruppo Italiano Vini nel 1986.

(Casa Negri)

I vigneti di proprietà si estendono per 35 ettari, distribuiti nelle sottozone Sassella, Grumello, Inferno e Valgella. A questi se ne aggiungono altri 125 gestiti direttamente. Il vitigno più importante è il Nebbiolo, localmente chiamato Chiavennasca. Viene coltivato nella fascia compresa tra la vallata e l'alta montagna su terreni caratterizzati da notevole pendenza. Sono presenti anche Chardonnay, Sauvignon e Incrocio Manzoni.

(Castello Quadrio)

La filosofia aziendale mira al raggiungimento di grandi risultati nel rispetto del territorio, avvalendosi delle migliori metodologie attualmente disponibili. Il direttore tecnico è l'enologo piemontese Danilo Drocco. Nel 2018 ha sostituito Casimiro Maule, personaggio di indiscussa abilità che ha contribuito in modo determinante alla crescita e ai successi della Nino Negri. Sono 800 mila le bottiglie prodotte annualmente.

(Danilo Drocco)

La gamma di etichette è composta da numerose referenze delle denominazioni del territorio con particolare attenzione alla Docg Valtellina Superiore con le sue sottozone e alla Docg Sforzato di Valtellina, tipologia per la quale l'azienda ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti. Degustiamo il Valtellina Superiore Docg Sassella Le Tense 2016, rosso il cui nome indica le parcelle vitate di maggior pregio, rifacendosi alla storia di questi luoghi: nel periodo della denominazione delle Tre Leghe Grigie svizzere (1512-1797), come sottolineato dagli Statuti di Grosotto nel 1544, le vigne migliori venivano “tense”, cioè “protette”, dagli arbostrari, i guardiani delle viti.

(Vigneto Fracia)

Le uve, Chiavennasca cento per cento, provengono da vigneti esposti a sud, piantati su terrazzamenti sostenuti da muretti in pietra a secco nei quali è presente un suolo franco sabbioso poco profondo e scarsamente fertile. Il sistema di allevamento utilizzato è il guyot modificato ad archetto. Ci troviamo ad altitudini comprese tra 300 e 450 metri sul livello del mare all'interno della sottozona Sassella, piccola area appena a ovest di Sondrio. La vendemmia viene eseguita manualmente nel mese di ottobre. Segue una vinificazione in rosso a temperatura controllata. L'affinamento si protrae per due anni di cui almeno uno in legno.

Versato nel calice, il Sassella Le Tense offre un colore rosso granato scarico. Ha un naso elegante e variegato fatto di fiori appassiti, amarena sotto spirito, sottobosco, un tocco di rabarbaro, spezie dolci e una nota di pepe. Buona l'intensità olfattiva ed evidente l'armonia. Il sorso è caldo, avvolgente, ben articolato, equilibrato, molto lungo e sapido in chiusura. La progressione delle sensazioni gustative e tattili è precisa con tannini fitti e vellutati che accarezzano il palato. Può essere abbinato a diversi piatti a base di carne rossa arrosto, brasata, bollita o cotta al forno. E' ottimo con la selvaggina o con i formaggi stagionati.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Nino Negri
Via Ghibellini, 3
23030 Chiuro (So)
tel. +39 0342 485211
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.ninonegri.net

IL VINO IN PILLOLE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search