Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 21 Maggio2022

di Federico Latteri

L'azienda dei fratelli Tiziana, Clemente e Giacomo Funaro nasce nel 2003 dalla volontà di sviluppare un progetto di qualità rivolto alla vinificazione delle uve coltivate nella proprietà ricevuta in eredità dai nonni.

Ci troviamo in provincia di Trapani, all'interno di un'area collinare che presenta condizioni pedoclimatiche ideali per la viticoltura. La tenuta si estende per 85 ettari ad altitudini comprese tra 150 e 450 metri sul livello del mare, tra i territori di Salemi (contrada Fontana Bianca) e Santa Ninfa (contrade Scavi e Gentile). E' composta da 60 ettari di vigneti, 15 di oliveti e la rimanente parte di seminativi, ortaggi ed alberi da frutto. Si coltivano vitigni autoctoni come Insolia, Cataratto, Grillo, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone, insieme agli alloctoni Chardonnay, Muller Thurgau, Syrah, Merlot e Cabernet Sauvignon.

(Clemente, Tiziana e Giacomo Funaro)

L'attività, iniziata con prove su pochi quintali di uva, l'impianto di nuove vigne e la conversione in biologico, si è sviluppata rapidamente fino all'attuale produzione che si attesta intorno alle 250 mila bottiglie l'anno con la presenza su diversi mercati qualificati, dove i vini vengono sempre più apprezzati. Oggi l'azienda è interamente biologica certificata ed ecosostenibile. Funaro applica precise regole per la salvaguardia ambientale: in azienda esiste un vero e proprio “Decalogo del rispetto”.

La filosofia produttiva è rivolta alla valorizzazione delle peculiarità dei vari vigneti, ottenuta attraverso lo studio e la conoscenza delle diverse parcelle. La nuova cantina, ultimata nel 2011, contiene serbatoi che non raggiungono capacità molto elevate (la maggior parte sono da 50 e 100 ettolitri) al fine di consentire prove di vinificazione e sperimentazioni. Agricoltori e artigiani, come gli stessi Funaro si definiscono, non produttori di stampo industriale.

Varia la gamma delle etichette con diverse linee tra le quali ci sono quella dei Cru, quella dei Monovarietali e quella dei vini non filtrati, poi un rosato, un vino frizzante, un vino dolce e gli spumanti Metodo Classico. Abbiamo degustato il Sicilia Doc Grillo Pinzeri 2021, un bianco davvero buono che in questa annata ci è sembrato centrato e espressivo come non mai. Le uve, Grillo cento per cento, provengono da vigneti situati a circa 140 metri sul livello del mare nel territorio di Salemi. Le viti crescono su un terreno di struttura marnosa ricco di sostanza organica che presenta uno scheletro ciottoloso tipico di questa zona, indicato con il nome “Cuti”.

La vendemmia viene effettuata a mano nelle ore più fresche della giornata tra la fine di agosto e l'inizio di settembre. Dopo un'accurata selezione, l'uva viene pigiata in assenza di ossigeno per mezzo di una pressa pneumatica a saturazione di azoto. Seguono circa 12 giorni di fermentazione in vasche di acciaio inox alla temperatura controllata di 15 gradi centigradi. Il vino ottenuto affina per qualche mese in acciaio sulle fecce nobili.

Nel calice il Pinzeri si presenta di colore giallo paglierino abbastanza carico con tenui riflessi verdolini. Ha un naso pulito e variegato con sentori di frutta a polpa gialla, erbe di campo, un'ammaliante nota di salvia, un tocco di menta selvatica e un cenno agrumato. Colpisce sia per intensità che per varietà di profumi. Il sorso è vivo, dinamico, ben articolato, salino e molto lungo. Non mancano la giusta struttura e un buon equilibrio. Si tratta di un vino che esprime una riuscitissima combinazione tra freschezza e ricchezza aromatica, risultando completo e piacevole. Da abbinare a tantissimi piatti della cucina di mare: antipasti a base di molluschi e crostacei, primi di ogni genere e pesci al forno o all'acqua pazza.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Funaro
Contrada Scavi
Strada statale 188, Km 48,700
91029 Santa Ninfa (Tp)
T. 091 6851589
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.funaro.it

IL VINO IN PILLOLE 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

2) Babà

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search