Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

di Federico Latteri

Feudo Arancio nasce all'inizio degli anni Duemila, periodo in cui il gruppo Mezzacorona, una delle più importanti realtà vinicole italiane, decide di investire in Sicilia.

Viene acquisita prima una proprietà a Sambuca di Sicilia in provincia di Agrigento e poco dopo un'altra ad Acate, comune del Ragusano. Le due tenute coprono complessivamente una superficie superiore ai 1.000 ettari, di cui circa 700 costituiti da vigneti. Ci troviamo in zone particolarmente vocate per la viticoltura, dove crescono vitigni autoctoni come Grillo, Inzolia, Zibibbo e Nero d’Avola, insieme a Chardonnay, Viogner, Semillon, Syrah, Cabernet Sauvignon e Merlot, varietà internazionali sulle quali l'azienda aveva già maturato una grande esperienza.

Sia in vigna che in cantina vengono utilizzate metodiche di ultima generazione e tecnologie all'avanguardia per ottenere vini di qualità in grado di esprimere l'autenticità del territorio. Da un lato viene portata avanti la valorizzazione dei vitigni locali, dall'altro la sperimentazione sugli alloctoni con la convinzione che in Sicilia possano dare ottimi risultati, fornendo espressioni originali.

Grande attenzione è rivolta all'ecosostenibilità: si praticano la lotta integrata ai parassiti, l'inerbimento per la gestione dei terreni e la confusione sessuale per contrastare gli insetti dannosi. Inoltre, vengono considerate di primaria importanza la produzione di energia da fonti rinnovabili e l'ottimizzazione dello sfruttamento delle risorse idriche. Feudo Arancio è stata una delle prime aziende in Sicilia ad ottenere la certificazione ambientale Emas.

Ogni anno dalle cantine vengono fuori circa 4 milioni e mezzo di bottiglie. Sono numerose le etichette che costituiscono una gamma completa e articolata, comprendente varie tipologie e diverse linee. Degustiamo il Sicilia Doc Rosso Riserva Cantodoro 2017, un vino intenso e solare ottenuto da Nero d'Avola per l'80 per cento più un 20 per cento di Cabernet Sauvignon. Il Nero d'Avola viene vendemmiato intorno alle seconda settimana si settembre, fermentato con lieviti selezionati alla temperatura di 24-25 gradi centigradi per 14-16 giorni e, successivamente, sottoposto a fermentazione malolattica. La maturazione si svolge in barrique francesi a tostatura leggera per 8 mesi. Il Cabernet Sauvignon viene raccolto durante la prima settimana di ottobre, fermenta a 26-28 gradi centigradi per 16-18 giorni e, dopo la malolattica, matura in barrique a tostatura media per un anno. Al termine del periodo di permanenza in legno viene fatto il blend con i due vini e il prodotto ottenuto compie un'ulteriore maturazione in barrique di 4 mesi. Seguono l'imbottigliamento e l'affinamento in vetro per 8 mesi che precede l'immissione in commercio.

Il Cantodoro 2017 si fa apprezzare sin dall'inizio per il suo bel colore, un rosso rubino vivo e intenso. L'esame olfattivo evidenzia un bouquet ricco, fatto di nitidi profumi di frutta matura con la ciliegia, la prugna e la fragolina selvatica in evidenza, sentori di vaniglia, una nota di tostatura e un pizzico di noce moscata. Il sorso, fresco, consistente e ben equilibrato, è dominato dal gusto dolce della frutta matura. I tannini sono tendenzialmente morbidi, mentre il finale lungo e fruttato è particolarmente piacevole. E' un rosso strutturato, caldo e mediterraneo che non risulta mai difficile da bere grazie all'armonia che lo caratterizza. Può essere abbinato a primi piatti dal gusto deciso come i maccheroni al ragù, oppure a carni rosse cucinate in vari modi e a formaggi a media e lunga stagionatura.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Feudo Arancio
Contrada Portella Misilbesi
Sambuca di Sicilia (Ag)
T. 0925 579000; 0461 616399
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.feudoarancio.it

IL VINO IN PILLOLE

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

2) Carbonara di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search