Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 09 Ottobre2021

Vino Nobile di Montepulciano Docg 

di Federico Latteri

Ci troviamo a Montepulciano, comune della provincia di Siena nel quale nasce uno dei più rinomati rossi della Toscana, il Nobile di Montepulciano. La produzione di vino in quest'area ha origini antichissime, come testimoniano numerosi documenti. Riferendoci al periodo contemporaneo, è importante ricordare che quella del Vino Nobile di Montepulciano è stata tra le prime Docg d'Italia ad essere riconosciuta nel luglio 1980. Avignonesi, azienda che prende il nome dalla famiglia fondatrice, nasce nel 1974.

(Virginie Saverys)

Nel 2009 viene acquisita da Virginie Saverys, belga con alle spalle una carriera legale di successo nel suo Paese, che nel 2007 decide di trasferirsi in Toscana, spinta dalla sua grande passione per il vino. Con lei l'azienda inizia un nuovo corso, crescendo grazie all'acquisto di diversi vigneti e basando la sua produzione sull'agricoltura biodinamica, approccio che nasce dal profondo rispetto nei confronti dell'ecosistema, delle persone che lavorano tra i filari e in cantina e del consumatore finale. Lasciare che la natura riesca ad esprimersi al meglio risulta inoltre fondamentale per ottenere vini territoriali di grande carattere.

(Vista aerea della cantina)

Oggi la superficie vitata si estende complessivamente per circa 180 ettari, divisi in diversi appezzamenti: Le Badelle, Poggetti, La Banditella, Greppo, Lodola, Matracchio, le Capezzine e La Selva, quest'ultima situata nel territorio di Cortona. Sono più di 700 mila le bottiglie prodotte annualmente. Tra le etichette che compongono un'ampia gamma ci sono i Nobile di Montepulciano, diversi altri rossi da vitigni autoctoni e internazionali, alcuni bianchi e i Vin Santo con il famoso e pluripremiato Occhio di Pernice.

(La vecchia cantina)

Il Vino Nobile di Montepulciano Docg Poggetto di Sopra 2016 è un cru realizzato appositamente per il progetto Alliance Vinum, iniziativa che coinvolge sei produttori (Avignonesi, Boscarelli, Dei, La Braccesca, Poliziano e Salcheto) uniti dall'obiettivo di riscoprire, valorizzare e preservare il Nobile, uno dei più importanti vini italiani. Il modello che si vuole portare avanti è quello di un rosso prodotto con Sangiovese in purezza che sia lo specchio del terroir, si esprima con eleganza e abbia un grande potenziale di invecchiamento.

(Le nuove barrique)

Le uve con cui viene fatto il Poggetto di Sopra provengono prevalentemente dalla vigna Caprile, composta da viti di circa 38 anni di età e situata ad un'altitudine di 300 metri sul livello del mare. Qui i suoli sedimentari di origine marina risultano permeati da una vena di argille azzurre. Il sistema di allevamento usato è il guyot con una densità d'impianto di 2.564 ceppi per ettaro. La vendemmia è stata effettuata a mano tra il 15 settembre e il 4 ottobre. La vinificazione è stata eseguita con una fermentazione spontanea da lieviti indigeni che si è protratta per un mese con macerazione sulle bucce. Il vino ha maturato 24 mesi per il 75 per cento in botti piccole e per il 25 per cento in botti grandi.

Nel calice si presenta di colore rosso rubino intenso, tendente al granato. E' fine e profondo all'olfatto con profumi di prugna matura, amarena, sentori di sottobosco, cenni terrosi e un tocco di erbe aromatiche. Al palato mostra buona freschezza, grande equilibrio, un corpo pieno e tannini vellutati che accarezzano il palato. Lungo e leggermente sapido il finale. E' un rosso nobile di nome e di fatto che si distingue per l'armonia e il modo composto con cui manifesta la sua intensità. Bevetelo con le carni rosse, la selvaggina e i formaggi stagionati.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Avignonesi
Via Colonica, 1 - Valiano - Montepulciano (Si)
T. 0578 724304
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.avignonesi.it

IL VINO IN PILLOLE

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search