Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 12 Settembre 2015
di C.d.G.

Müller Thurgau, Vigneti delle Dolomiti Igp.

Giovanissimo enologo, da famiglia di antiche tradizioni vinicole, Mattia Filippi si era innamorato di un piccolo, anzi piccolissimo vigneto, solo un ettaro, a sud di Trento; era una minuscola collina a girapoggio, soleggiata e ventilata, dove vi aspettiate ci fossero uve da bianco e invece c’è Cabernet Sauvignon. Mattia è riuscito a prenderlo in affitto e ci fa due vini rossi. Inizia così la micro avventura di produttore di vino, affrontata per divertimento e per pura passione, per fare il vino senza condizionamenti, secondo i suoi principi, senza se e senza ma.


(Mattia Filippi)

Mattia si autodefinisce enologo errante in quanto la sua principale attività è come partecipe di una società di consulenza enologica, Uvasapiens, per la quale gira il mondo: dal Cile all’Australia, dalla Napa Valley alla Sicilia, dalla Croazia alla Romania. Nella sua ancor giovanissima vita, ha soli 34 anni, altri 2 colpi di fulmine: quello più importante per Rossella Marino Abbate, anch’essa enologa, di Sicilia, che diventa sua compagna nella vita e nel lavoro e per mezzo ettaro di vigneto a Faedo, quasi a confine col l’Alto Adige. È un fazzoletto a 600 metri compreso tra due valli: quella dell’Adige, ricca di calcare e quella del Cembro dove c’è porfido di origine paleovulcanica, in più troviamo una rarità per la zona: l’argilla. Il vitigno è quello classico della provincia: il Müller Thurgau che si arricchisce dei 3 substrati, dell’altezza, dell’esposizione riuscendo a dare vini di lunghissima durata, quelli che Mattia definisce verticali, anche perchè tratta il vigneto e la vinificazione secondo la filosofia germanica, indirizzata a creare vini molto longevi.

La vigna è a pergola trentina, quella tradizionale e più efficace perchè protegge l’uva dalle gelate, la copre dal sole arricchendola di acidità, espone alla ventilazione i grappoli liberi dalle foglie. Ecco perchè il Trentino è terra di spumanti. Secondo la filosofia mattiana l’uva bianca deve essere coperta per non ricevere luce che farebbe perdere aromi e profumi, trattamenti con solo rame e zolfo.


(Pergola trentina)

Da questo gioiellino si ricava uno spumante fatto nella lillipuziana cantina sua e il Xurfus, fermo. Il vigneto è alle spalle della miniera del paese, di cui il nonno era capo miniera e aveva conservato un documento del 1600 con una vecchia mappa di Faedo dove col termine Xurfus si indicava dialettalmente la ricerca. Mappa che ritroviamo nell’etichetta.

Vendemmia nella prima decade di settembre dopo che il padre ha provveduto ad esaminare grappolo per grappolo eliminando gli acini colpiti da muffa e non sani, raccolta in cassette, pigiadiraspatura, decantazione statica, senza alcuna macerazione per preservare acidità, fermentazione a 16 gradi per 20 giorni con lieviti selezionati, quelli indigeni li usa per i rossi, niente malolattica, affinamento sui lieviti per 6 mesi con batonnages. Affina in bottiglia per oltre 8 mesi. Solfiti totali 60 mg/l, la metà dei limiti per il vino biologico.

L’annata che degustiamo, la 2013, è l’ultima in commercio, la 2014 uscirà a novembre. Il colore è giallo paglierino. All’olfatto frutta: melone bianco, papaya, pesca bianca, fiori di prato, erba secca, mandorla, poca pietra focaia, un naso austero. Al palato un corpo denso, buona mineralità accompagnata da un’acidità equilibrata, pieno con un finale che declina verso l’amarognolo. Un Müller Thurgau caratterizzato da note più minerali che aromatiche.
 
Abbiniamolo a piatti di pesce, specie fritto, ad un risotto agli ortaggi, allo speck. Sono 2.500 le bottiglie da apprezzare a 14 euro.

 

Mattia Filippi

via Sant’Agata 18
38010 Faedo (Tn)
tel. 347 6169957
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.mattiafilippi.it

 





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search