Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Istituzioni il 18 Febbraio2015

Patatine fritte nel mirino dell'Antitrust. L'autorità ha sanzionato 4 big del settore, San Carlo, Amica Chips, Pata e Ica Foods, con una multa complessiva di 1 milione per pubblicità ingannevole.

In particolare, per caratteristiche nutrizionali o salutistiche non corrette o "vanti di artigianalità" per prodotti in realtà industriali. L'Antitrust, informa una nota, ha agito sulla base di diverse denunce di privati e dell'Unione nazionale consumatori e ha deciso di sanzionare per 350.000 euro il gruppo "San Carlo" (il cui testimonial è lo chef stellato Carlo Cracco), per 300.000 "Amica chips" (famosissimo lo spot con Rocco Siffredi), per 250.000 "Pata" e per 150.000 "Ica Foods".

Attraverso diciture e immagini suggestive, spiega l'Antitrust, "venivano attribuiti a taluni prodotti specifiche caratteristiche nutrizionali o salutistiche non corrette oppure si fornivano informazioni, in merito alla composizione e agli ingredienti o alle modalità di trasformazione o cottura, attribuendo ai prodotti anche “vanti di artigianalità" nonostante la loro natura industriale". Tutte e quattro le imprese sanzionate dall'Antitrust dichiaravano un ridotto contenuto di grassi nelle loro confezioni. Ma le modalità rappresentative prescelte non sono risultate aderenti alle prescrizioni comunitarie in materia, in quanto la percentuale di riduzione vantata era inferiore a quella consentita oppure priva o non adeguatamente accostata - nello stesso spazio visivo e con la medesima evidenza grafica - allo specifico termine di raffronto utilizzato quale versione base dello stesso prodotto. Secondo l'Antitrust, tre aziende hanno adottato "vanti di artigianalità" che non corrispondevano alle caratteristiche reali di questi prodotti: "Eldorada patate cotte a mano" e "Alfredo's" di Amica Chips; la linea "La patatina artigianale" e le "Da Vinci chips" di Pata; e "Le contadine - fatte a mano" di Ica Foods. 

Tre aziende hanno conferito poi una particolare enfasi grafica alla presenza di olio d'oliva nelle rispettive confezioni (Linea "Autentica trattoria all'olio di oliva" di San Carlo; "Eldorada la tradizionale con olio d'oliva" di Amica Chips; "Da Vinci chips: con olio extra vergine d'oliva"), omettendo di evidenziare l'effettiva percentuale impiegata: il quantitativo veniva indicato solo sul retro delle buste e risultava assai più basso a quello di altri oli vegetali. Due aziende, inoltre, "hanno presentato in maniera ambigua e omissiva - a giudizio dell'Antitrust - le caratteristiche reali e distintive di alcuni prodotti ("Rustica - le ricette di Cracco" di San Carlo e le diverse varianti di "La patatina" di Amica Chips), ingenerando così nei consumatori l'erronea convinzione che queste confezioni fossero nettamente diverse dal prodotto base o dalla variante aromatizzata. 

E infine, Ica Foods ha accreditato al prodotto "Crik Crok & Blue" proprietà salutistiche che sono risultate ancora controverse nella comunità scientifica e comunque non autorizzate dalla Commissione europea. Nella determinazione delle sanzioni, l'Autorità presieduta da Giovanni Pitruzzella ha tenuto conto anche della dimensione di ciascuno dei quattro operatori e della loro condotta nel corso del procedimento, valorizzando l'impegno spontaneo o l'adozione anticipata di misure idonee a eliminare gli aspetti di ingannevolezza contestati e ad aumentare la trasparenza nei confronti dei consumatori.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search