Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Istituzioni il 10 Marzo2017


(L'assessore Antonello Cracolici - ph Vincenzo Ganci)

Quando si era insediato, aveva ricevuto questa patata bollente. Ma l'assessore all'agricoltura Antonello Cracolici l'aveva dichiarato fin dal primo istante: "Proveremo a far ribaltare la sentenza. Anche se si tratta di una cosa difficile".

Alla fine, però, la notizia positiva è arrivata. Ed è una buona notizia per tutti gli agricoltori siciliani. Il Cga, il consiglio di giustizia amministrativa, ha pubblicato la sentenza con la quale è stato annullato il pronunciamento del Tar che aveva bloccato l'erogazione dei fondi del bando biologico 2013. Si chiude una vicenda che ha paralizzato oltre 8.000 produttori che da tre anni non hanno più ricevuto il contributo, malgrado abbiano sottoscritto la sottomissione alla coltivazione biologica. "Adesso aiutiamo la Sicilia a volare", dice soddisfatto l'assessore Cracolici. Si sbloccano, dunque, 320 milioni di euro di fondi che erano stati bloccati dopo il ricorso di una cinquantina di aziende siciliane. Il primo passo era stato compiuto qualche tempo fa, quando l'assessorato aveva proposto un accordo transattivo con i 50 produttori ricorrenti che hanno rinunciato a una parte dei loro proventi. Questa operazione ha permesso all'assessorato di arrivare in sede del Cga "avendo fatto cessare il contendere dai parte dei ricorrenti", spiega Cracolici. Insomma dopo due anni di battaglie legali, era prevalso il buonsenso dei "colleghi" agricoltori ricorrenti che avevano intuito l'impasse in cui si era arenata l'intera struttura agricola siciliana. “Ai 50 ricorrenti – aggiunge Cracolici – va riconosciuto il merito di aver rinunciato a parte dei proventi per sbloccare le erogazioni per gli altri 8.000. Alla fine ha prevalso il buon senso".

Senza questo accordo, probabilmente il Cga avrebbe confermato la sentenza del Tar e si sarebbero persi per sempre i 320 milioni del bando. I mandati dei primi pagamenti erano stati effettuati tempo fa ed era chiaro a tutti, a questo punto, che il Cga avrebbe preso atto della cosa e ribaltato la sentenza. 

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search