Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Istituzioni il 30 Gennaio2015

Il governo francese presenta oggi un piano per ridurre del 50% entro il 2025 l'uso di pesticidi nel Paese. Lo ha annunciato il ministro dell'Agricoltura, Stephane Le Foll, che punta da un lato sul sostegno alle strutture agricole "pioniere" nella riduzione dei prodotti fitosanitari, e dall'altro sull'appoggio dei distributori.

Per quanto riguarda le strutture all'avanguardia, chiamate in francese 'fermes Depy', l'obiettivo è farle aumentare dalle attuali 2.000 a 3.000, e puntare a un "effetto macchia d'olio" sulle aziende agricole circostanti. Sul fronte della distribuzione, il governo di Parigi intende attivare in modo sperimentale dei "certificati di riduzione dei prodotti fitosanitari", che li obblighino a spingere per una "riduzione del 20% del numero di dosi utilizzate su cinque anni", se non vogliono incappare in una penalità finanziaria. Ci saranno inoltre incentivi alla "vendita di servizi", ovvero alla formazione degli agricoltori alle "tecniche alternative" per la lotta a malattie e parassiti. Il progetto non ha però convinto gli ecologisti. Numerose associazioni ne lodano lo spirito, ma sottolineano che "non fa ancora abbastanza" per ridurre l'uso di prodotti la cui pericolosità per l'ambiente e la salute umana è "comprovata".

Nel 2008, la Francia aveva lanciato un primo piano per ridurre l'uso dei pesticidi, ma nei mesi scorsi una commissione parlamentare ne ha dichiarato il sostanzale fallimento: tra il 2009 e il 2013, ha riscontrato, l'utilizzo di questi prodotti è aumentato del 9%. 

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search