Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'allarme il 07 Gennaio 2015
di C.d.G.

 

In Inghilterra è prosecco-mania. Tutti felici dunque? Macchè. Questo perché nel Regno di Elisabetta II di bottiglie di Prosecco se ne stappano veramente poche. I pub inglesi, infatti, servono flute di prosecco alla spina.

Quello non è prosecco, è vino con le bollicine”, dice amareggiato Innocente Nardi, presidente del consorzio di tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco superiore.
Succede che tra i pub inglesi sia aumentata a dismisura la vendita di prosecco. Con 4 sterline ne viene spillato un bicchiere. Ma tra i vigneti di Valdobbiadene  è scoppiata la rivoluzione. Questo perché si sta assistendo ad una vera e propria frode alimentare. Il Prosecco, infatti, secondo il regolamento della Comunità europea, può essere venduto e commercializzato solo in bottiglia.

“La mescita non può avvenire alla spina” spiega Nardi.
A questo punto sono stati attivati tutti i canali necessari non perché la vendita finisca (nulla vieta di vendere vino alla spina), ma perché, perlomeno, i consumatori siano avvisati del fatto che quello che stanno per bere è semplice vino con le bollicine e non Prosecco.

È stata immediatamente inoltrata una segnalazione al Dipartimento dell'Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

“Si sta lavorando su più fronti – dice Stefano Zanette, presidente del consorzio di tutela della Doc Prosecco – l’attenzione deve essere alta. Questo è un malaugurato modo di spacciare un vino con le bolle per Prosecco. Ma è un problema che va risolto in fretta, perché questo va a discapito del consumatore che crede di bere Prosecco ed, invece, Prosecco non è”.

Il Prosecco, però, prima di essere venduto, subisce una serie di controlli delicatissimi e rigorosissimi per le denominazioni (Docg e Doc) che si porta appresso. Solo alla fine riceve una fascetta di Stato da apporre su ogni singola bottiglia, anch’esse numerate. “Garanzia estrema per il consumatore – dice Zanette – che avrà la certezza però di bere un Prosecco originale.”

G.V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search