Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'allarme il 18 Agosto 2015
di Fabrizio Carrera

Allarme di produttori ed operatori per il pomodoro San Marzano dop contraffatto negli Stati Uniti. 

“'La frode alimentare colpisce lo storico 'Pomodoro San Marzano Dop' vanto della Campania negli Stati Uniti. Come già denunciato dal New York Times del 16 agosto il deprecabile fenomeno deriva dalla mancanza di una specifica normativa a tutela dei prodotti Made in Italy'' affermano Eduardo Ruggiero e Gino Sorbillo, rispettivamente della cooperativa Danicoop (che riunisce diversi produttori) e l'imprenditore-pizzaiolo napoletano. 

“Vogliamo che l'illecito venga interrotto al più presto, chi imbroglia con etichette false i consumatori americani deve essere perseguito dalla legge” aggiungono. E Sorbillo sottolinea: “A breve con la mia nuova pizzeria nella Grande Mela svolgerò costantemente dei seminari con la Gustarosso per spiegare qual è il vero pomodoro e quale no. L'inimitabile sapore farà venir fuori tutti i numerosi falsi”.

In conclusione i due operatori si augurano “che il governo valuti attentamente il problema e ponga immediati correttivi per valorizzare un prodotto unico ed irripetibile che appartiene alla Campania” Anche la Coldiretti di Salerno chiede interventi a tutela del prodotto tipico. “Il New York Times, purtroppo, non racconta nulla di nuovo. Coldiretti Salerno denuncia da anni le gravi ripercussioni che il falso Made in Italy provoca all'economia provinciale. Tra pomodoro San Marzano, mozzarella di bufala, olio extravergine di oliva e vino, la provincia di Salerno è tra le più contraffatte d'Italia” scrive, in una nota, il presidente di Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio, commentando il servizio sul falso San Marzano. Anche sui motori di ricerca di commercio on line, rileva Coldiretti Salerno, “va in scena la fiera del falso. 'Se, su un qualsiasi sito di commercio elettronico, si cerca il 'pomodoro San Marzano' - afferma l'organizzazione professionale agricola - si ritrovano centinaia di prodotti in vendita - dai semi al fresco ai pelati - provenienti da ogni dove, dalla Grecia, alla Spagna, alla Francia, passando per la Germania e l'America. Con prezzi che variano da pochi centesimi a molti euro”. 

“Un flusso favorito - precisa Sangiorgio - da una legislazione ambigua che favorisce sacche di illegalità a scapito dei consumatori e dei nostri imprenditori agricoli che investono ogni giorno credendo nel progetto di valorizzazione della qualità del nostro agroalimentare. Il falso Made in Italy danneggia moltissimo il sud e ancor di più la nostra provincia che poggia una parte molto significativa del suo Pil sull'agroalimentare”.

Coldiretti Salerno concluderà i suoi tour territoriali con “una grande assemblea provinciale annuale proprio nell'Agro sarnese-nocerino'', territorio dalle potenzialità troppo spesso soffocate - sottolinea Sangiorgio - dove auspichiamo una maggiore attenzione da parte delle istituzioni e una rinnovata stagione di collaborazione nella filiera che sarebbe utile a tutti e creerebbe vantaggi per tutta l'economia provinciale”.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search