Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'allarme il 30 Gennaio 2015
di C.d.G.

Le parole del presidente Domenico Raimondo: "Da noi controlli rigidi, eppure c'è ancora chi crea danni di immagine incalcolabili al nostro comparto"

È il prodotto che vanta il maggior numero di controlli, oltre 15.000 l’anno. È l’unico Consorzio al mondo ad aver varato un codice etico che preveda l’espulsione per chi non rispetta le regole. 

 Eppure il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop continua a doversi difendere da frequenti attacchi, spesso destituiti di qualunque fondamento.

“È una situazione paradossale – spiega il Presidente Domenico Raimondo – che vede noi, i veri danneggiati, spesso sul banco degli imputati. Proprio noi che, da vicende come quella che recentemente ha visto protagonista un caseificio a Serre, riceviamo un enorme danno sia in termini economici che di immagine. Proprio noi che non solo peroriamo la causa di un sistema di controlli sempre più capillare ma che da tempo chiediamo alle autorità di inasprire le pene nei confronti dei truffatori”. 

Colpisce in effetti notare come, in diversi casi, si crei una situazione di assoluta confusione che danneggia il comparto e spiazza il consumatore. E quindi il fiordilatte sequestrato in alcuni titoli diventa mozzarella di bufala, così come caseifici chiusi in zone che nulla hanno a che vedere con l’areale Dop, ma che vengono ugualmente ricondotti alla Campania e via dicendo, in un drammatico looping che rischia di mettere in ginocchio un intero comparto, il più importante del centro-sud nel settore agroalimentare. 

“Il Consorzio si complimenta con tutti coloro che lavorano per far sì che le regole vengano rispettate – sottolinea Letizia Gallipoli, Vicepresidente del Consorzio e rappresentante degli allevatori – li vogliamo sempre al nostro fianco in questa lotta che vede come obiettivo principale la tutela di una delle più importanti eccellenze del Made in Italy”.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search