Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 18 Ottobre 2019
di C.d.G.


(Daniele Pinton)

di Maristella Vita

La pasta è una delle eccellenze che contraddistinguono la cucina italiana. È una importante tradizione al sud, ma forse pochi sanno che nel Veneto sono presenti molte aziende che producono pasta; qualche nome esplicativo, solo per citarne qualcuna: Pasta Jolly, Pasta Zara, e per quelle ripiene, la famosissima Rana.

Ma qui oggi parliamo di bigoli, una pasta lunga proprio di origine veneta (bigoi), presente sin dai tempi della Serenissima Repubblica. La “leggenda” vuole che nel 1604, al tempo dei Comuni, un pastaio di Padova venne autorizzato dal Consiglio cittadino a utilizzare un macchinario di sua invenzione. Diversi furono i tipi di pasta prodotti, e particolarmente apprezzato fu una sorta di spaghettone ruvido, il “bigolo”; nome,  certamente collegato alla sua forma, derivante probabilmente dal termine dialettale “bigàt” (bruco). Una volta tirata con il “bigolaro”, la pasta veniva messa ad essiccare per essere condita con ragù di carne o di corte (anatra, etc.), o salsa d’acciughe. E oggi? La tradizione continua con Daniele ed Ernesto Pinton specializzati proprio nella produzione di pasta fresca, una storia nata nel 1955 e avviata dal loro padre Carlo con un laboratorio situato nella prima periferia di Vicenza, in località Costabissara, da dove oggi escono ogni giorno ben 100 quintali di pasta, grazie a 15 dipendenti.

“Ora siamo alla terza generazione – sottolinea Daniele Pinton - facciamo la pasta fresca e siamo la tradizione veneta, e la nostra eccellenza è costituita proprio dai bigoli”. L’azienda produce anche diverse paste farcite: tortellini alla carne, al prosciutto crudo, alla ricotta e spinaci, ravioloni con diversi ingredienti, gnocchi e spatzle. Il padre trasmise la passione  per la lavorazione della pasta fresca ai figli usando prodotti sicuri e di alta qualità, grazie anche a macchinari sempre innovativi e sistemi produttivi che assicurano al prodotto perfezione nell’esecuzione e massima igiene. Proprio come un tempo faceva mamma Milena, la prima che iniziò quasi per scommessa, 55 anni fa, a preparare la pasta ripiena. Una storia di tradizione quindi, e una storia di famiglia.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search