Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 11 Settembre 2020
di Giorgio Vaiana
Roberto Caruso

 

Assuli, la cantina di Mazara del Vallo in provincia di Trapani, si spinge verso l’alto e scommette forte sui vini di alta collina.

È la nuova sfida dell’azienda di proprietà della famiglia Caruso che ha acquistato 20 ettari di terreno all’interno del Bosco Scorace, in un posto suggestivo, un’area naturale a Buseto Palizzolo, ad un’altitudine di 600 metri. Sono già in dimora infatti le prime piante di Perricone, Nero d’Avola, Grillo e Lucido che daranno origine a nuovi vini. A raccontarcelo è Roberto Caruso, presidente della cantina, nota per la struttura interamente ristrutturata e allestita con quel marmo, estratto da Monte Cofano, che ha creato il core business della famiglia Caruso nel 1948: il Perlato di Sicilia. L’attitudine imprenditoriale dei Caruso ha origine proprio dal Perlato di Sicilia, con la fondazione della Sicilmarmi, ma ritorna al vino con la nascita della cantina. Oggi Assuli (in dialetto sicilano ‘al sole’) si estende su 130 ettari di proprietà e coltiva vitigni autoctoni siciliani, sotto la guida della terza generazione di famiglia.

Il legame con la Sicilia spinge l’azienda alla ricerca continua. Non a caso è partita la realizzazione di un vigneto sperimentale con 14 varietà selezionate, reliquia (tra questi Alzano, Vitrarolo, Cutrera, Rucignola ed altri) con l’obbiettivo di riscoprire vitigni antichi, in collaborazione la sede marsalese dell’Irvos, l’Istituto siciliano che si occupa di vino e olio attraverso la certificazione dei vini Doc e Igt e la sperimentazione. Circa 600 innesti collocati in altrettanti impianti per un totale di 0,3 ettari situati a Carcitella, nel comune di Mazara del Vallo, dove sorge la cantina col suo antico Baglio. Tra qualche tempo ne avremo i risultati.

“Questo progetto assume un ruolo importante - afferma Roberto Caruso - al fine di divenire punto di incontro concreto tra ricerca, sperimentazione e tecniche viticole d’avanguardia. La voglia di scavare nel passato sta portando alla luce varietà dimenticate ed è un elemento di ancor più forte identità dei vini del territorio”. Si punta tutto sulla autenticità siciliana e sulla zona di origine. “La Sicilia all’estero è più conosciuta per i rossi. Vino rosso si traduce Nero d’Avola, soprattutto in Cina. L’Etna fa una strada a sé, ma il futuro dell’isola è white e noi crediamo tanto nel potenziale della nostra zona”.

Ma cosa è Assuli? “Assuli - spiega Caruso - è la continuazione di un percorso che ha radici profonde. La cantina, i vigneti, i terreni, le vigne, il personale ed i nostri consulenti esprimono la continuità di uno stretto legame con il territorio, la presenza e l’impegno della mia famiglia, che è parte attiva e fondamentale nella conduzione dell’attività; introduce tutta l’esperienza dei Caruso nel mondo dell’agricoltura e del vino, a partire dai miei nonni che iniziarono ad accendere in me la passione per il vino che ho voluto proseguire”. Con la direzione dell’enologo Lorenzo Landi, grazie al mantenimento scrupoloso dei canoni tradizionali di lavorazione di uve autoctone, Assuli ottiene una produzione di vini biologici di eccellenza celebrati da numerosi riconoscimenti ed esportati, ad oggi, per il 90 per cento all’estero. Conta circa 100 mila bottiglie prodotte ma mira al suo massimo potenziale di circa 2 milioni e 200 mila bottiglie di alta qualità.

“Crediamo nella nostra terra e nell’idea di un vino che la rispecchi, in modo fedele, autentico e senza sofisticazioni. Ci siamo impegnati a tradurla, trasferendo in bottiglia un antico sapere che si esprime in un vino di assoluta genuinità e dall’inconfondibile carattere. Ogni bottiglia – spiega Roberto Caruso - narra il forte legame con la terra d’origine anche attraverso il packaging e i nomi dei vini, che rievocano quelli dei paladini de L’Orlando Furioso di Ariosto.

“Abbiamo dato attenzione fin da subito ai nostri vitigni autoctoni, a partire dal Nero d’Avola e nel 2019 abbiamo lanciato la gamma dei bianchi, sempre biologici: Insolia, Grillo e Zibibbo (Carinda, Fiordiligi e Dardinello), tutti Doc Sicilia”, afferma. Gli obiettivi della cantina sono tanti e tra questi c’è il rispetto totale per l’ambiente. Con la presentazione della nuova linea dei vini infatti si è posta l’obiettivo di divenire un punto di riferimento 100% eco-sostenibile, a partire dalla vigna fino ai vari progetti sul risparmio energetico. La struttura infatti è perfettamente integrata con l'ambiente circostante e il ciclo chiuso di lavorazione e trasformazione è ad impatto zero.

F.L.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search