Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 08 Giugno2021
La famiglia Cipolla - ph Luca Vitello

Il pretesto ufficiale poteva essere la pandemia: puntare sulle vendite on-line per superare evidenti ostacoli sorti con le restrizioni e le zone rosse in tutta Italia.

Ma così non è stato. E chi conosce già la realtà dell’azienda agricola Mulinello, nell’omonima contrada del territorio ennese, sa bene che tra i suoi obiettivi c’è quello di superarsi sempre, di puntare a nuovi orizzonti per valorizzare al meglio carni e salumi siciliani. Nello specifico, l’esperienza che ha messo in campo la famiglia Cipolla, titolare della realtà agro-industriale Mulinello, è quella delle carni autoctone siciliane, di suini bianchi e, in particolare, di Suino Nero Siciliano nei suoi diversi eco-tipi: degli Iblei, delle Madonie, dell’Etna e, naturalmente, il più famoso tra questi, quello dei Nebrodi. Grazie ad una importante operazione di e-commerce, infatti, le carni prodotte nel proprio allevamento possono giungere direttamente al consumatore finale tramite gli ordini on-line.

(Suini neri - ph Luca Vitello)

I numeri dell’azienda sono significativi, con una produzione di maiali bianchi che tocca i mille capi al mese. Oltre a questi, ci sono piccoli allevatori “satelliti” di suino bianco che collaborano con l’azienda, fino a raggiungere una macellazione annua di circa 16 – 17mila capi. A questi dati vanno aggiunti i suini neri, circa 5mila, che vivono allo stato brado, seppur allevati, tra i boschi di gran parte dell’isola e che solo negli ultimi tre mesi di vita passano in azienda, per essere nutriti con una miscela di cereali a base di orzo, mais, crusca e favino, che prepari l’organismo degli animali al macello. Gaetano Cipolla, titolare dell’azienda con i figli Alessandro, Adriana e Alida, per 20 anni è stato rappresentante nazionale degli allevatori di suini e colui che ha contribuito a far riconoscere la razza del suino nero siciliano tra quelle autoctone italiane e di cui l’Anas detiene i registri. “È un animale sempre più apprezzato per le sue carni pregiate e sempre più ricercato sul mercato – spiega – ed anche la cucina italiana se ne sta accorgendo. Da qui, il nostro nuovo progetto, assieme a quello dell’e-commerce, di coinvolgere i cuochi per realizzare nuovi piatti e ricette”.

(Ribs - ph Luca Vitello)

Da diversi mesi, infatti, l’azienda, anche approfittando del periodo di “pausa” forzata che ha investito cucine e ristoranti italiani, ha contattato numerosi Chef, siciliani e non, stellati e non solo, invogliandoli a provare la carne rigorosamente isolana, con tagli internazionali, a cominciare da quelli iberici, ma anche proponendo tagli “su misura”, richiesti appositamente da ristoratori e chef patron. Dalla mezzena di suino nero al carré, dalla coppa alla coscia, alla pancetta, al pregiato filetto, fino alla salsiccia e alle braciole, allo stinco, alla spalla, la produzione di carne Mulinello passa sempre dal proprio allevamento a circuito chiuso, con animali nati e cresciuti in Sicilia, macellati nel proprio macello e con un laboratorio ed un salumificio appositi per gli insaccati. Oltre che in Italia e in Europa, a richiedere le carni Mulinello sono Paesi come il Giappone, dove l’azienda siciliana è tra le poche che può esportare grazie alla certificazione apposita rilasciata nel 2013 dal Ministero di competenza. Gaetano Cipolla, infine, sa che le conoscenze ed i saperi professionali si devono acquisire nei posti e con le persone giuste. Da qui, l’altra scommessa di gettare le basi di un’ampia collaborazione con gli stabilimenti di Parma. “Esattamente 6 anni fa – conclude Gaetano – abbiamo pensato di ampliare il nostro salumificio e abbiamo avuto il supporto di un tecnologo parmense. Lì nacque l’idea di far stagionare alcuni nostri prosciutti di suino nero nella città emiliana. Nel 2016 facemmo piccole prove e nel 2018 il progetto si concretizzò”. Un altro tassello in una storia tutta siciliana.

C.d.G.

 

Commenti   

+1 #2 ANTONINO CILLUFFO 2021-06-19 07:52
Gaetano ci conosciamo da trentanni, ho visitato tante aziende in Italia per via del mio lavoro, ma la professionalità, la capacità di vedere oltre, di mettersi in gioco continuamente per raggiungere obiettivi di eccellenza, non è comune, Specie in una terra cosi difficile come la ns. Sicilia. Auguro a te, ai tuoi figli (che oramai ti stanno accanto) ed al tuo staff un futuro radioso. Nino
Citazione
+1 #1 Gaetano 2021-06-09 17:04
Grandi, Grandissimi!!!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search