Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 11 Maggio2021
Antonio Piraino

di Christian Guzzardi

Antonio Piraino, il "banchiere agricoltore" racconta l'azienda Terre di Palmeri.

Tre monocultivar da Biancolilla, Nocellara del Belice e Cerasuola e un sogno nel cassetto: realizzare un blend con le trentacinque varietà autoctone siciliane. E tra i progetti futuri anche la creazione del primo circolo agricolo siciliano. Dal 1926 la famiglia Piraino coltiva e accudisce i terreni del "Feudo Palmeri". Siamo in provincia di Palermo, nella cosiddetta "Chianotta di Vicari", un territorio collinare che ricade nei comuni di Ciminna e Mezzojuso. Sorge qui l'azienda agricola "Terre di Palmeri", 120 venti ettari immersi nel verde tra ulivi, alberi da frutta e antichi casolari. Una storia legata a doppio filo alla produzione di grano e, da circa vent'anni, anche a quella di olio extravergine d'oliva. Ne abbiamo parlato con Antonio Piraino, ex banchiere oggi agricoltore per passione. È lui, insieme al fratello Andrea, alla sorella Vita Alba, ai loro figli e nipoti a portare avanti l'azienda e a progettarne il futuro. Un omaggio alle generazioni che li hanno preceduti, ma anche un'opportunità per i più giovani. "Tutto è iniziato circa cinquant'anni fa – racconta – quando io, mio fratello e mia sorella abbiamo raccolto il testimone di mio padre e di mio zio. Nel 1998 abbiamo deciso di modernizzare l'azienda e per questo abbiamo piantato un uliveto biologico con l'obiettivo di valorizzare una naturale predisposizione del territorio".

A fianco del grano, degli alberi di mele cotogne, di gelsi e di mandorle, da vent'anni sorgono infatti anche gli ulivi. Circa venti ettari distribuiti tra tre varietà. "Fin dall'inizio – racconta – abbiamo deciso di dividere l'oliveto in lotti e di impiantare tre cultivar siciliane con proprietà organolettiche differenti: la Biancolilla, leggera e delicata, la Nocellara del Belice, di media intensità, e la Cerasuola, dal carattere deciso. Abbiamo fatto questa scelta perchè volevamo realizzare delle monocultivar capaci di esaltare i profumi e i sapori dell'olio in purezza". A vent'anni dall'avvio della produzione il risultato è "Xtra", un'etichetta che oltre alle tre monocultivar comprende anche un blend le riunisce in percentuali che, a seconda delle annate e del grado di maturazione delle olive, possono variare. Il processo di lavorazione prevede una raccolta manuale, che inizia rigorosamente nei primi giorni d'ottobre, e un'immediata molitura presso il frantoio Arkè di Serradifalco per una produzione che nel 2020 ha raggiunto 10.000 litri, ma che nei prossimi anni mira ad arrivare a 25.000.

L'extravergine di Terre di Palmeri al momento è commercializzato presso negozi specializzati o venduto a ristoranti di qualità. È possibile tuttavia acquistarlo presso l'azienda stessa, recandosi in loco o ordinandolo attraverso il gruppo facebook "Terre di Palmeri". E nel prossimo futuro si profila un progetto innovativo ed ambizioso. "Una delle cose che vorremmo fare – racconta Antonio Piraino – è quella di creare il primo circolo agricolo siciliano. Non un agriturismo o un posto dedito all'ospitalità in senso tradizionale, ma un luogo da vivere in armonia con l'ambiente e con la natura. Sarà possibile, infatti, raccogliere la frutta e gli ortaggi che vengono coltivati e portare a casa il nostro olio d'oliva. L'obiettivo è quello di valorizzare i nostri prodotti regalando a chi aderirà un'esperienza unica e dei momenti di relax e benessere". Ma i progetti in Terre di Palmeri non finiscono qua: "Abbiamo un sogno – continua – recuperare ed impiantare in azienda tutte le 35 cultivar autoctone di Sicilia. Al momento ne abbiamo già 15. Vogliamo creare una vera e propria antologia degli ulivi. Dei piccoli lotti da visitare per scoprirne la storia e carpirne le differenze. Un inno alla biodiversità. E poi chissà, potrebbe anche nascere un blend 35". Due idee che vedranno la luce nei prossimi anni e che rappresentano il modo migliore per fare agricoltura: "Essere agricoltori oggi – conclude – significa guardare al futuro, senza dimenticarsi della storia, al fine di produrre qualità nel rispetto dell'ambiente e dei territori".

Terre di Palmeri
presso Chianotta di vicari, sotto le serre di Ciminna
T. 335 7294810

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search