Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 17 Settembre2020
Marco e Costanza Durastanti

 

di Clara Minissale

Energici, inarrestabili e soprattutto territoriali.

Marco e Costanza Durastanti, proprietari del ristorante pizzeria Villa Costanza, alle falde di Monte Pellegrino a Palermo, dopo avere creato e “firmato” birra, vino e olio, hanno pensato anche al fine pasto, portando in tavola un amaro totalmente realizzato nel palermitano. È nato così l’amaro Costanza, fatto con infuso di cardo, cicoria e limone, coltivati negli orti che il ristorante gestisce dal 2016. “Volevamo qualcosa da potere proporre ai nostri clienti come fine pasto che fosse realizzato interamente con prodotti della nostra terra, coltivati da noi - spiega Marco Durastanti - e questa idea ha preso corpo grazie alla collaborazione con l’agronomo palermitano Paolo Castelli e alla sua esperienza in questo campo”.

(Filippo Sclafani, Marco Durastanti e Paolo Castelli)

Fondamentale per trovare la ricetta perfetta, anche l’apporto di Filippo Sclafani della Sclafani Liquori di Bolognetta, che si occupa della produzione e della distribuzione di bevande alcoliche, “con il quale – dice il proprietario di Villa Costanza – abbiamo lavorato qualche mese per trovare l’equilibrio che volevamo. È una bella esperienza imprenditoriale e di condivisione che ben si sposa con l’idea di fare impresa che, per noi, vuol dire innanzitutto incontrare il territorio nella sua essenza e far muovere l’economia locale. Ovviamente non si tratta di un prodotto industriale con una ricetta standardizzata ma di un amaro che cambierà leggermente in base alle caratteristiche delle erbe coltivate, cosa che per noi e per la nostra filosofia, rappresenta un punto di forza”.

Le erbe utilizzate per gli infusi sono coltivate nell’orto di Ciaculli e danno vita ad un liquore rotondo ed equilibrato, la cui produzione ha già superato i duemila litri. È disponibile in due eleganti formati, uno più piccolo “da viaggio” e la bottiglia da mezzo litro. L’amaro allunga, dunque, la lista delle “autoproduzioni” di Villa Costanza e si aggiunge alle tre birre a marchio del ristorante pizzeria, la bionda Pale Ale, l’ambrata Amber Ale e la Pale Ale Wheat, ai due vini – Grillo e Nero d’Avola – e all’olio, un blend bio di due cultivar la Giarraffa e la Santa Catese. Ma gli inarrestabili fratelli Durastanti non si fermano qui. “Durante il lockdown abbiamo avuto più tempo da dedicare allo sviluppo di varie possibilità di collaborazione – dice Marco – e grazie a Sicindustria abbiamo avviato dei canali, al momento solo virtuali, con buyer giapponesi che sembrano molto interessati alle nostre produzioni. Intanto abbiamo anche sviluppato l’e-commerce per potere far arrivare i nostri prodotti a tutti i clienti o agli appassionati che ce li hanno chiesti. L’idea alla base di tutto è sempre quella di fare viaggiare il territorio ben oltre le mura del locale, raccontando attraverso chi siamo e quello che facciamo quali sono le potenzialità della nostra terra”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search