Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 26 Novembre2019

Lieve aumento dei ricavi, ma si riduce il margine operativo lordo. Boscaini: “Quotazione del titolo in calo? Siamo tranquilli”


(Sandro Boscaini)

di Emanuele Scarci

I grandi vini di Masi ripartono nel 2020 con un wine bar in Maximilianstrasse, la strada del lusso di Monaco di Baviera, che segue a quello di Zurigo del 2014 e al wine bar di Cortina inaugurato un anno fa. 

Sempre dal 2020 la cantina veronese si affiderà al nuovo distributore Eggers & Franke Holding per il mercato tedesco. “Offriamo la wine experience completa - spiega Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola - un intreccio affascinante attraverso la storia, la cultura e il gusto”. La storia di Masi Agricola ripercorre quella dei grandi vini della Valpolicella conosciuti in tutto il mondo: il suo medagliere è traboccante di riconoscimenti internazionali. Tanto che il “nickname” di Boscaini è "Mr Amarone". La società - controllata dai fratelli Sandro, Bruno e Mario Boscaini, ciascuno con il 24,5% delle azioni - è una delle due quotate alla Borsa di Milano (l’altra è Italian wine brands all’Aim). Masi si conferma campione di export con l’80% dei ricavi, anche se la quota dell’Italia tende a rafforzarsi. Forte la presenza nei top wines (22,5%), nei premium wines (49,4%) e nei classic wines (28,1%). Con tendenziale crescita nei classic wines.

Nei primi 9 mesi del 2019 Masi ha realizzato ricavi netti per 45,6 milioni di euro (+1%) e un margine operativo lordo di 7,5 milioni (9 milioni nell’analogo periodo del 2018). Il problema è che negli ultimi 4 anni la società ha perso oltre il 40% del margine operativo loro (un parametro che misura l’efficienza) che evidentemente non si può spiegare solo con l’effetto diluizione dopo l’acquisizione di Canevel Spumanti. L’incidenza del Mol sul fatturato è sceso dal 28% del 2015 (anno di quotazione) al 16,5% dei primi 9 mesi dell’anno in corso, su ricavi sostanzialmente stabili.

Boscaini, che succede?
“Sapevamo di andare incontro a questo nel momento in cui abbiamo deciso di quotarci. I principi contabili internazionali ci penalizzano. In cantina abbiamo vini a prezzi più elevati di quelli che riusciamo a spuntare sul mercato: si sono drasticamente ridotti a causa di una competizione esasperata. Ma non siamo preoccupati".

Ma gli investitori sì. Infatti il titolo Masi in Borsa collocato, nel giugno 2015, a 4,60 euro oggi fluttua a 3,20, dopo aver toccato un minimo di 2,90
"Questo è dipeso da una corrente di vendite che si è esaurita. Comunque il valore di libro della società è superiore alla capitalizzazione. Prima o poi il mercato dovrà prenderne atto. Siamo tranquilli".

Avete aperto un wine bar a Zurigo, uno Cortina a l’ultimo nel 2020 a Monaco: forse gli investitori si aspettavano vetrine mondiali come New York o Londra. Non le pare?
"Non sono d’accordo. La Germania è un mercato importante e a Cortina si svolgeranno le Olimpiadi. Facciamo del nostro meglio".

Masi promossa per la qualità dei vini, ma rimandata a settembre per gli ultimi risultati della gestione aziendale. Cosa pensa di Ettore Nicoletto, ceo dimissionario di Santa Margherita?
"E’ un manager di standing internazionale, come ne abbiamo pochi in Italia. Chi non lo vorrebbe avere?"

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search