Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 05 Dicembre2019


(Clemente, Tiziana e Giacomo Funaro)

di Manuela Zanni

Non esiste azienda di successo che non sia concepita come una realtà in continuo divenire. Lo sanno bene Giacomo, Clemente e Tiziana Funaro, proprietari dell’omonima azienda che fermi proprio non sanno stare.

Era il 2003 quando i tre fratelli decisero di rilevare l'azienda agricola di famiglia per avviare un nuovo progetto imprenditoriale e creare una cantina tutta loro con sede a Santa Ninfa in provincia di Trapani e i vitigni anche a Salemi, sempre in provincia di Trapani. Si tratta di una zona a spiccata vocazione vitivinicola dove coltivano, con impegno e dedizione, sia varietà autoctone, quali Inzolia, Cataratto, Grillo, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone, che internazionali, quali Chardonnay, Muller Thurgau, Syrah, Merlot e Cabernet Sauvignon. Da allora, parafrasando un noto detto, ne è passato di “vino nelle botti”, dal momento che l’azienda è passata dalla vendita delle uve alla vinificazione e alla coltivazione di seminativi e ulivi della tipologia nocellara e biancolilla.

“Nel tempo ci siamo evoluti e siamo cresciuti tutti insieme, proprietari e dipendenti, avvalendoci dell’esperienza di chi abbiamo già trovato in azienda e di chi è arrivato dopo, insieme a noi - racconta Giacomo Funaro - Abbiamo cercato di non stravolgere nulla, ma abbiamo voluto dare alla nostra azienda una rotta che la conducesse verso la retta via che, per noi, è rappresentata dal biologico, unica strada percorribile per contribuire alla salvaguardia del Pianeta essendo meno impattanti possibile. Nonostante i premi ricevuti, non ci siamo mai considerati arrivati, ma, al contrario, abbiamo deciso di accettare sempre nuove sfide per metterci in gioco”. A proposito di sfide, una di questa riguarda la produzione di un rosato da Nero d’Avola in purezza. Il “fiocco rosa” in casa Funaro arriverà nel 2020, imbottigliato a febbraio e in commercio da marzo. Grazie alla breve permanenza a contatto con le bucce, di circa 5 ore al massimo, sarà di un rosa cipolla scarico, sullo stile dei vini provenzali come richiesto dai mercati di Austria, Belgio e Danimarca. Ma i suoi profumi, intensi e persistenti,  mantengono fede alle aspettative che ci si attende da un Nero d’Avola e questo consentirà alla cantina Funaro di portare, con orgoglio, un pezzo di Sicilia, in giro per il mondo. 

La proprietà si estende per 88 ettari di superficie, divisi tra vigneti (60 ettari), oliveti (15 ettari), seminativi, ortaggi, alberi da frutto ed aree di compensazione ecologica e comprende, al suo interno, specchi d’acqua che garantiscono le risorse idriche necessarie all’irrigazione dei vigneti, soprattutto nelle annate più siccitose, per mantenere sempre alta la qualità delle uve che vengono vendemmiate a mano, per garantire il massimo rispetto delle piante ed una maggior selezione del prodotto. Questa particolare attenzione che, da sempre, l’azienda ha riservato al biologico nel 2011 è stata ufficializzata grazie alla certificazione “Bio” che attesta che tutti i terreni di pertinenza aziendale sono coltivati con moderni e tradizionali metodi di agricoltura biologica che rappresenta il fiore all'occhiello dell'azienda che ne rispecchia in pieno la mission.

Altrettanto importante per la proprietà è far conoscere la propria realtà al pubblico sempre più vasto di enoappassionati che, grazie al turismo esperienziale, sceglie sempre più spesso per le proprie  vacanze delle mete insolite che consentano di vivere a stretto contatto con le aziende del territorio mutuandone, anche se per brevi periodi, usi e costumi. A tale scopo la cantina è dotata anche di una foresteria, organizzata per l’accoglienza in un ambiente caldo e confortevole, dove assaporare il vero relax della vita agreste. Grazie all’ospitalità di tre camere da letto corredate e climatizzate, è possibile godere del panorama mozzafiato delle colline trapanesi immersi in un'atmosfera di assoluto relax e di osmosi con la Natura.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search