Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 24 Marzo 2020
di Giorgio Vaiana
Gente in fila in un negozio Venchi a Shaghai appena riaperto

Dopo oltre due mesi cosa fuori dal negozio Venchi di Shaghai. "Finalmente", dice Daniele Ferrero, primo azionista e amministratore delegato della Venchi, cioccolato d’alta qualità e gelato made in Italy.

Insomma dalla Cina arrivano messaggi di speraza. Ma non solo. C'è una linea della ripresa che va seguita prima che questa avvenga materialmente, ma - dice Ferrero - "cominciare gradualmente a riaprire gli esercizi commerciali, quando la curva del contagio comincerà a scendere. Non dopo, a pericolo scampato. Perché "se sbagliamo i tempi è un problema, qualcuno potrebbe non riaprire". In Cina i negozi hanno riaperto dopo tre-sei settimane dal blocco. "Bisogna prevedere anche in Italia già ora la Fase 2, quella economica - dice l'imprenditore - Ma chi lo sta facendo"? Per Ferrero l’ideale sarebbe riaprire le attività del Paese "prima di Pasqua". Gradualmente, però, "per zona geografica, come in Cina". L’importante è "non ragionare a mesi, ma a giorni. Concentriamoci ora sulla riapertura dell’Italia, che sia cauta sul piano sanitario ma che ci sia, a breve".

C.d.G.

TAG: ,

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search