Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'evento il 21 Ottobre 2013
di Redazione

Massimo Mantarro, Pino Cuttaia e Ciccio Sultano sono stati i protagonisti degli show cooking oggi a Taormina Gourmet.

Rivisitazioni alleggerite, piatti della memoria e insoliti accostamenti sono stati alla base delle ricette proposte. Il primo ad intrattenere il pubblico è stato Massino Mantarro, del S.Domenico Palace di Taormina, che ha preparato una ghiotta di baccalà alla messinese con capperi di Pantelleria, sedano verde, patate ed olive brunelle, pomodorini e una cialda di ghiotta, la parte in contrasto, croccante e dai colori piacevolmente accesi del piatto del piatto. La sostituzione del tradizionale pescestocco con il baccalà ha donato leggerezza sia nelle forme che nella cottura ed un sapore molto equilibrato. In abbinamento un Sangiovese docg, Castello Rovitorio, 2008, per un piatto dalla molteplice struttura che richiede una buona acidità.



A seguire Pino Cuttaia de La Madia di Licata con il suo cannolo di melanzana perlina in pasta croccante con pomodorino dolce e ragusano dop. Un vero e proprio caleidoscopio di tecniche differenti per un piatto dall’apparente semplicità e dai sapori netti essenziali che deriva da un ricordo d’infanzia, come molte delle ricette dello chef ed efficace veicolo di comunicazione e di cultura. In abbinamento un rosso di Montalcino, Sangiovese in purezza 2011, Castello Romitorio che sostiene bene la componente untuosa ed acida della melanzana fritta e della salsa di pomodoro, come quella aromatica e dolce del ragusano.

E per concludere Ciccio Sultano del Duomo di Ragusa, con due piatti: “polipetto verace, croccante di seppia , patata fondente, salsa verde all’arancia e capperi iblei canditi” e  “volevo essere fitto, cannolo di ricotta, gambero e caviale”. Partendo dall’importanza della materia prima, lo chef ha composto in diversi passaggi due piatti intriganti per consistenze, incontri di aromaticità e componenti gustative diverse e abbinamenti insoliti, utilizzando anche ingredienti poco usuali come la testa del gamberone e verdure amaricanti locali. 



Daniela Corso


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search