Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'evento il 22 Maggio 2015
di C.d.G.

Le degustazioni di Valle Dell'Acate, Palmento Santo Spirito, Cottanera e Baglio del Cristo di Campobello spostate per l'inconveniente.

 

Un pomeriggio movimentato per la Biblioteca del Vino all’Expo che doveva ospitare le degustazioni di vini di quattro aziende siciliane: Valle Dell'Acate, Palmento Santo Spirito, Cottanera e Baglio del Cristo di Campobello.

Un maxi black-out ha coinvolto vari padiglioni della rassegna universale milanese, mettendo in allarme tutto il sistema di sicurezza. Padiglioni subito evacuati e presidiati dalla forze dell’ordine. Ma la degustazione non è stata annullata. È stata solo spostata al Cluster Bio-Mediterraneo che ha messo a disposizione una delle sue salette grazie all'intervento del commissario strordinario dell'Irvos Nino Di Giacomo. Un po’ piccola in realtà per accogliere tutte le persone che erano prenotate alla degustazione, ma sufficiente a permettere lo svolgimento dell’evento. 

Dopo Valle dell’Acata e Cottanera, si sono alternati Palmento Santo Spirito e Baglio del Cristo di Campobello.

Palmento Santo Spirito, l’azienda etnea, ha presentato un’assoluta novità: il Nero di Sei 2011, un blend all’80 per cento di Nerello Mascalese ed al 20 per cento di Nerello Cappuccio, rosso alla prima vendemmia.
“Messo da parte il disagio – dice Valeria Costanzo di Palmento Santo Spirito – credo che il vino sia piaciuto. Per noi è stata l’occasione per far assaggiare il nostro nuovo vino, ma soprattutto per farci conoscere ai buyer presenti, soprattutto americani. Ora stiamo terminando l’etichettatura del Nero di sei 2012 che sarà inserito nei distributori presenti al padiglione del Vino”.

Dopo Palmento Santo Spirito è toccato a Baglio del Cristo di Campobello che ha presentato “Lu patri”, Nero d’Avola in purezza e Adenzia bianco, metà Grillo e metà Inzolia.
“Degustazioni proficue? Ancora non possiamo dirlo – dice Carmelo Bonetta, titolare della cantina -. Di certo un incontro importante fatto alla presenza di persone che ne capiscono. Organizzazione impeccabile. Nonostante il cambio di location all’ultimo, tutto ha funzionato benissimo. Dispiace solo che molte persone siano rimaste in piedi”.

G.V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search