Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'evento il 21 Giugno 2011
di Redazione

Il re delle bollicine in Sicilia commenta l’esperienza in corso a Bordeaux. «Soprattutto nella loro patria é difficile conquistarli. Ma sui bianchi li abbiamo superati»

Il sorriso é ingannatore. Giuseppe Milazzo (nella foto), il re delle bollicine in Sicilia nella patria delle bollicine, sembra soddisfatto dell’esperieza in corso a Bordeaux, ma non lo é.

«Volete sapere la verità? I francesi ci snobbano. Questo Vinexpo é un’enorme delusione». Parole dette a bruciapelo durante uno spuntino, le sue. Poi si spiega meglio: «Chi viene a Bordeaux viene qui per i vini francesi. E noi, invece, veniamo qui non per conquistare giapponesi o cinesi, ma proprio per entrare nel cuore dei francesi». Missione fallita? «Stanno iniziando a riconoscere la nostra qualità, ma conquistarli é difficile, sono molto nazionalisti». Eppure secondo il sito dell’Osservatorio economico vini effervescenti nel giro di tre anni il prosecco potrebbe sorpassare per produzione lo champagne; Eppure Milazzo esprime un sorriso sarcastico. «Sono dati che lasciano il tempo che trovano se poi vendiamo una bottiglia a 1,50 euro contro una media di 22 euro francesi. Le statistiche dovrebbero tenere conto dei fatturati, altrimenti é troppo facile vendere e battere i primati. Io produco 380 mila bottiglie che vendo a una media di 7,20, contro gli 8,60 prima della crisi. Cerco di non abbassare troppo i prezzi ma ancora dalle nostre parti non c’é la cultura per le bollicine di qualità come in Francia». Ma c’é anche spazio per l’ottimismo nelle parole di Giuseppe Milazzo: «La battaglia con la Francia la possiamo vincere sui vini fermi di altissima qualità. La vinciamo già ora sui bianchi, mentre sui rossi, pur essendo a buon punto, i francesi hanno una classe che noi ancora ci sognamo» .

Gaetano Luca La Mantia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search