Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 14 Aprile 2017
di C.d.G.


(Fiorella Ciaboco)

“L’Uovo e la Colomba”, kermesse gastronomica milanese dedicata ai simboli della Pasqua, ideata e organizzata da BonnePresse, uno studio creato da tre giornaliste professioniste (Marianna Corte, Carlotta Dazzi e Gaia Grassi) con la passione per il food, il design e il mare, riserva sempre delle belle sorprese che, probabilmente, fanno apprezzare ancora di più questi dolci della tradizione. 

Tant’è vero che l’appuntamento goloso 2017 si è caratterizzato per tre aspetti che riteniamo meritevoli di essere conosciuti. Intanto la qualità e la professionalità di maestri pasticceri arrivati da alcune regioni dell’Italia del Nord; per l’aspetto sociale, visto che in esposizione c’erano le colombe prodotte in carcere; infine, per lo spirito solidaristico che gli organizzatori hanno voluto riservare ai laboratori che operano nelle aree terremotate. Andiamo con ordine, partendo dalle eccellenze artigianali proposte da laboratori come il mantovano Antoniazzi che nei chiostri di una location storica quanto suggestiva come Palazzo delle Stelline, ha portato dei pezzi d’arte, più che uova e colomba, tanto da suggestionare il visitatore al punto di avere avuto l’impressione di entrare in un museo, tanto sono belli ed originali le uova di cioccolato di questo fantasioso pasticciere di Bagnolo San Vito.


(Colomba del carcere minorile)

Senza dimenticare laboratori storici come quello della Martesana (una vera e propria istituzione a Milano che l’anno scorso ha celebrato i 50 anni di attività) e Angela (che nel 2016 ha inaugurato un laboratorio a visto per permettere ai clienti di vedere i pasticceri al lavoro) o Marra di Cantù, la varesina Dolcearte che produce anche panettoni salati e il “pan de bira” realizzato con luppolo fresco e malto d’orso tostato, nonché la veronese Beltrame con il capo pasticcere Domenico Beltrame super premiato per la sua bravura. Senza dimenticare Il Forno dei Viganò di Desio che in 17 anni di attività ha creato dei prodotti che sono ormai dei classici. Tutte attività che meritano la massima attenzione perché rappresentano una voce importante dell’economia dove operano.


(Maurizio Stocchi)

Per l’aspetto solidaristico, l’attenzione è per le aziende che sono arrivate dalle zone colpite dal sisma. Come Stocchi di Amatrice che pur con le difficoltà facilmente intuibili, continua a tenere alto il nome di una famiglia che da più di 40 anni è il punto di riferimento goloso della zona. Al Palazzo delle Stelline c’era pure la cioccolateria Vetusta Nursia di Norcia di Arianna Verucci che continua la tradizione familiare di decorare manualmente le uova di Pasqua, mentre la stilista marchigiana Fiorella Ciaboco, ha presentato la produzione di Daniele Pascoli, proprietario del  Panificio Fronzi di Pieve Torina, un centro dove gli immobili sono stati dichiarati tutti inagibile, anticipando l’idea del marchio “difendiamo il made in Marche”, tanto da allestire nel suo grande atelier, un punto vendita per i soli prodotti provenienti dai marchigiani   maggiormente colpiti dal sisma. 


(Uova di Antoniazzi)

Infine, per l’aspetto sociale, c’era la presenza della Cooperativa sociale Buoni Dentro dell’Istituto di pena minorile Beccaria che ha allestito un laboratorio di panificazione e pasticcerie per impegnare i giovani detenuti e, magari, assicurargli una formazione professionale che potrà essere utile una volta lasciato il carcere. Mentre la Pasticceria Giotto del carcere di Padova è ormai un’attività consolidata e che, oltretutto, propone degli ottimi prodotti. Dice Laura Teruzzi, che è una sorte di direttore commerciale, “i nostri panettoni, le colombe e le uova di cioccolata sono di ottima qualità. Si vendono non perché li producono i carcerati, ma perché sono prodotti validi”.

Michele Pizzillo

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search