Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 31 Gennaio2013

Impressionismo, futurismo, cubismo.

Tre correnti pittoriche, che trovarono la loro forza propulsiva attraverso “l’energia positiva e la gioia di vivere dell’effervescenza champenois”. E’ questo il punto di vista che ha ispirato il Comité Champagne partner di una mostra interdisciplinare dal titolo “L’arte dell’effervescenza: Champagne!” aperta fino al 26 maggio al Musée des Beaux Arts di Reims. Raccoglie oltre 370 opere d’arte provenienti da collezioni pubbliche e private di tutto il mondo e vi spiccano capolavori di  Picasso, Masson, e molti altri, in un “percorso che si snoda tra quadri, manifesti, sculture, vetri e ventagli, ma anche contributi musicali e cinematografici”.

 La mostra rivendica anche un secondo pretesto:  celebrare per la prima volta l’alleanza tra lo Champagne e l’arte, dal XVII secolo ai giorni nostri, ma anche ripercorrere, dalla sua nascita, fissata nella seconda metà del XVII secolo, tutta la storia dello Champagne e come la trama delle sue pagine rappresenti una fonte inestinguibile di ispirazione per l’immaginario degli artisti di tutto il mondo.

Al genio del  futurista Gino Severini, che nel 1911 superò in audacia i manifesti di Toulouse Lautrec,  Bonnard e Cezanne, è affidato il compito di esprimere l’ispirazione  italiana ma anche  “l’energia positiva e la gioia di vivere dell’effervescenza champenois – come spiega Adeline Hazan, Sindaco di Reims – che  non è solo l'emblema del lusso e del marchio, ma rappresentano anche i sogni vettoriali, surreali e la felicità e la rinascita che trascendono il caos della storia uomini. Sentimenti che sono all’origine di quelle grandi opere di artisti del ventesimo secolo nate sotto la minaccia delle barbarie della guerra e ben interpretate da Pablo Picasso, André Masson e Jean Lurçat”. Anche Reims ambisce ad essere annoverata tra i siti del patrimonio mondiale dell’Unesco e questa mostra, con un sua terza giustificazione, ne vuol rappresentare  un contributo al suo sostegno.

Stefano Gurrera

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search