Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 19 Ottobre2011

Due anni di sofferenza. Anche il 2011 non sarà una buona annata per il vino siciliano. Una produzione più scarsa, a livello di quantità, ma di maggiore qualità.

Ma Diego Planeta (nella foto), uno dei più conosciuti produttori di vino siciliano nel mondo, va oltre. Perché ora c’è la Doc Sicilia. Che permetterà, secondo l'ex presidente dell'istituto regionale della Vite e del Vino, un controllo più accurato del vino, valorizzerà le piccole zone di produzione che oggi sono conosciute, spesso, solo dagli addetti ai lavori e permetterà lo sviluppo del consorzio di tutela. Ecco, in sintesi il Planeta-pensiero, nel primo dei nove seminari sul "Sistema vitivinicolo" cominciati nella facoltà di agraria dell'università di Palermo e che dureranno fino al prossimo maggio.

Il primo seminario, "Il mercato del vino", ha visto come protagonista il numero uno della cantina sociale siciliana più grande. Che ha fatto un excursus storico dell'evoluzione e della diffusione dei vini, ma soprattutto del mercato dei vini, nella nostra regione. "Il 2009 è stato un anno drammatico per la produzione del vino in Sicilia - dice Planeta - Abbiamo registrato il minimo storico di litri prodotti".

I motivi, per Planeta non sono chiari: "Dipende dalle decine di vigneti abbandonati, estirpati oppure mal coltivati. Ha influito la vendemmia verde ed altri fattori che dipendono dal mercato vero e proprio". Ora c'è il 2011, con i dati che ancora non sono stati diffusi e su cui, quindi, come dice lo stesso Planeta, non si può fare nessuna considerazione. Ma gli addetti ai lavori hanno già le idee ben chiare. "È l'anno in cui i produttori rimescolano le carte e si deve ricominciare il gioco - dice - All'orizzonte ci sono grandi possibilità per la Sicilia. C'è un crollo ulteriore e di questo ne siamo consapevoli. E ne siamo sicuri perchè abbiamo già i dati di produzione di uva".

Nel 2009 2,4 milioni di quintali di uva sono stati trasformati in vino. Quest'anno circa 1,4 milioni di quintali. "Ma questo deve far ben sperare - dice Planeta - Perchè i prezzi aumentano a vantaggio della qualità. Anche i vini a basso prezzo aumentano. Del 100%. Mentre quelli di qualità, mantengono i loro standard di vendita con piccoli aumenti del 10%". Per Planeta la Sicilia va verso una produzione equilibrata di vino, soprattutto cerca di accontentare quanti nel mercato europeo chiedono una riaffermazione dei vini siciliani. "Oggi non ci sono più contributi pubblici, la distillazione è finita ed è rimasto solo il mercato per ricavare qualcosa - dice Planeta - Credo che la soluzione giusta sia che l'istituto regionale vite e vino, l'assessorato regionale all'agricoltura e l'Assovini lavorino insieme per creare una squadra vincente sia sul territorio nazionale che internazionale".

Il prossimo seminaro dal titolo "La politica vitivinicola dell'unione europea" si terrà presso l'aula magna della facoltà di agraria dell'università di Palermo il prossimo 11 novembre. Relatore sarà Eugenio Pomarici, presidente del gruppo di esperti mercati e consumatori presso l'organizzazione internazionale della vite e del vino e membro del comitato scientifico e tecnico, oltre che professore associato di economia e politica agraria presso l'università di Napoli Federico II.

Giorgio Vaiana

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search