Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 09 Maggio2022
Francesco Nania, Bruno Armenia e Carmelo Santangelo

Si chiude la prima giornata dell’evento “Farine Evolutive”, organizzato da farine Petra nell’ambito di Expocook 2022 di cui Cronache di Gusto è media partner.

Ad esibirsi, stavolta, c’è Francesco Nania della pizzeria La Bufalaccia di Palermo con la sua pizza pomodoro, fior di latte, porcini, e in uscita speck, spuma di ricotta e caldarroste. L’impasto utilizzato è stato realizzato con metodo biga e farine di tipo 1HP Petra. Segue Carmelo Santangelo del panificio Panfermento di Valverde a Catania che ha portato due tipologie diverse di pane, fatti con solo lievito madre, un bauletto con farine tipo 1 HP Petra, e aggiunta di grano saraceno germogliato e avena germogliata e una pagnotta con farina agricola, fatta di segale integrale tipo 0 e aggiunta di semi di zucca, sesamo, girasole, miglio e lino. “Il bauletto è un pane più soffice, non integrale, la sua caratteristica è data dal risultato soffice, mentre la pagnotta è più rustica, integrale, con una consistenza più fitta e un gusto più intenso”, afferma il panettiere.

 

Si chiude in dolcezza con Bruno Armenia della pasticcieria America di Ispica in provincia di Ragusa che presenta un panettone made in Sicily. Non stupisca la sua presentazione a maggio, perché “può essere abbinato perfino con la granita, un ottimo sostituto della classica brioche”, dice il pasticciere ragusano. Alla kermesse, vengono presentati due tipi di panettone: un panettone con lievito madre, con farina di carruba, all’interno carrubato, granella di cioccolato alla carruba e un panettone, con lievito madre, e un impasto realizzato con un mix di farine riso e orzo (Petra 01 e 02 HP), con cremino di pistacchio e filetti di mandarino candito.

F.L. 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

4) Torta stracciatella

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search