Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 21 Dicembre2011


Da sinistra  Mario Bolognari, Nanda D'amore, Lillo Tomasello, Silvia Reali,
Adele Palazzo, Antonella Rizza, Rosa Bonaccorsi, Cettina Mazzamuto

Bar, ristoranti, grandi industrie casearie e dolciarie, piccole imprese agricole, di apicoltura, servizi, perfino i pescatori del porto di Catania.

Sono ben  sessantacinque e sono distribuite tra Catania e la sua provincia pedemontana. Altre  21 sono invece tra Taormina, Letojanni, Giardini Naxos, Calatabiano.  Puntano tutte  all’eccellenza queste ottantasei aziende del distretto turistico-produttivo Taormina-Etna che partecipano al progetto Prometeo e che hanno scommesso sull’alta formazione per fare “rete” e rendere ancora più competitivo un territorio unico per le sue componenti naturalistiche, culturali, eno-gastronomiche e produttive, considerato “un anello intorno al vulcano dell’Etna”.

Cos’è il progetto Prometeo? Lo ha spiegato il professor Mario Bolognari, presidente del Distretto Taormina Etna nel corso della presentazione di questo progetto formativo:  “Il nostro dipartimento, che gravita nell’ambito di un territorio in cui il turismo non dà ancora oggi risultati di massima efficienza – ha precisato - è un tentativo di cambiare la politica turistica in Sicilia. Per tutto il dopo guerra abbiamo pensato che turismo in Sicilia non ce ne fosse o ce ne fosse poco, e quindi le politiche sono state rivolte a determinati obbiettivi senza però adeguati strumenti. Oggi noi ad esempio disponiamo di oltre di tremila lavoratori già attivi in diversi settori. Rappresenterebbero una risorsa se fossero supportati da un efficace formazione sulle lingue, l’informatica, l’enologia o la gastronomia,  temi in continua evoluzione.  Noi possiamo avere gli alberghi più belli del mondo, le funivie, gli impianti sciistici – ha precisato Bolognari – ma se poi le persone non traducono in atti concreti l’astratto principio dell’accoglienza, noi di tutto il resto non ce ne facciamo niente”.

In breve gli obbiettivi primari e imminenti del Progetto Prometeo mirano a  fornire alle imprese del territorio Etneo-taorminese elementi per diventare sempre più “world oriented”, capaci di affrontare le sfide poste dalla “globalizzazione”, con competenze per innovarsi, svincolarsi da segmenti di mercato poco competitivi, tendere a modelli di produzione ecocompatibili, elevare gli standard qualitativi e comunicare al mercato e ai consumatori l’identità e l’origine territoriale dei propri prodotti. 

Si tratta di un comprensorio, questo  di Taormina-Etna, che si caratterizza per la varietà, le eccellenze e le competenze dalle grandi ricchezze, il cui sviluppo duraturo e sostenibile richiede, però,  un forte investimento nel capitale umano. All’interno di questo distretto  confluiscono diversi organismi di natura pubblica e privata: Sviluppo Taormina Etna Spa, le Università degli Studi di Catania, Messina e Enna, le province regionali di Catania e di Messina, l'Ente Parco Fluviale dell'Alcantara, l’Ente Parco dell’Etna e l’Ente Parco dei Nebrodi, la Camera di Commercio di Catania e Messina, la Società Aeroportuale di Catania, la Ferrovia Circumetnea e 150 tra aziende, associazioni, banche ed operatori privati di vario genere.

Le attività formative, già programmate, saranno organizzate direttamente presso le aziende e prevedono momenti di formazione teorica in aula, integrata da formazione on the job e fad.  In particolare, verranno realizzati sessanta percorsi formativi che variano dall’ambiente, sicurezza e innovazione organizzativa, allo sviluppo organizzativo, innovazione tecnologica e competenze tecnico-professionali, per un totale di 2700 ore di formazione.

Stefano Gurrera

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search