Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 13 Luglio2018

L'installazione del maestro Nino Raso che ha realizzato decine e decine di bandiere utilizzando il legno dei barconi approdati a Pantelleria. Sarà possibile visitare la mostra da oggi fino a martedì 31 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 16,30 alle 18 (via Enzo Biagi 3-5, Palermo)


(Andrea Morettino e Nino Raso)

In occasione di Palermo Capitale della cultura 2018 e in contemporanea con Manifesta12, Morettino ospita nel cuore del proprio sito produttivo di Palermo la mostra FLAGS – MalMediterraneo dell’artista pantesco Nino Raso, un progetto che punta i riflettori sull’integrazione tra i popoli, raccontando storie di guerre e sogni infranti, ma anche di speranza, di salvataggi e di una vita che malgrado tutto continua.

Ventiquattro bandiere create con i legni raccolti sulle coste di Pantelleria e provenienti dalle imbarcazioni utilizzate dai migranti, distrutte e restituite dal mare. Legni intrisi di sale e desideri, grandi e piccoli frammenti consumati dal mare, sapientemente giustapposti l’uno accanto all’altro, che riportano a galla vecchie e nuove storie. L’installazione delle bandiere è area, sospesa sopra le macchine tostatrici, dentro il cuore pulsante dello stabilimento Morettino, simbolo di unione tra paesi e caffè di tutto il mondo. La mostra è inserita all’interno del calendario ufficiale di Palermo Capitale della Cultura 2018 ed è patrocinata dall’Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Sarà possibile visitare la mostra da oggi fino a martedì 31 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 16,30 alle 18 (via Enzo Biagi 3-5). L’ingresso è gratuito e solo su prenotazione, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando al numero 091 6883736.

Ieri pomeriggio il vernissage della mostra, con la performance teatrale del regista e attore Martino Lo Cascio, accompagnato dal contrabbassista Gabrio Bevilacqua, basato sul racconto di Aicha Fuamba, giovane donna sopravvissuta al tragico sbarco avvenuto a Pantelleria nel 2011 e presente alla lettura, premiato al Salone del Libro di Torino per il Concorso Terra Madre. A seguire la chiusura con un messaggio di speranza, affidato al Coro di Voci Bianche e al Coro Arcobaleno della Fondazione Teatro Massimo, costituito in collaborazione con la Consulta delle Culture e formato da ragazzi e ragazze delle comunità immigrate di Palermo.

“Siamo orgogliosi di avere dato vita a questo progetto, che nasce dalla nostra passione verso il caffè, simbolo di integrazione tra popoli e culture del mondo, e dall’amore verso la nostra città, da sempre crocevia di differenti popoli e culture – spiega Arturo Morettino – “Flags – Malmediterraneo” è una storia di umanità che vogliamo raccontare per celebrare Palermo Capitale della Cultura 2018 e per offrire un momento di riflessione e dialogo, in un momento storico in cui si costruiscono barriere sociali, culturali e fisiche. Un messaggio di speranza e di unione che parte oggi proprio dal cuore della nostra torrefazione, che lanciamo oggi con la vicinanza del sindaco Leoluca Orlando e della Fondazione Teatro Massimo, e dell’artista pantesco Nino Raso, senza cui tutto questo non sarebbe stato possibile”.

“Tutte le opere rappresentano dei segni grafici riconoscibili, non è arte concettuale ma un messaggio chiaro. L’opera parla per sé – racconta l’artista Nino Raso - I legni non sono stati dipinti né trattati. Quello che resta delle imbarcazioni dei migranti è possibile vederlo qui, i legni che portano il colore riconoscibile della città di provenienza e hanno attraversato i mari e le correnti per approdare sulle rive pantesche continuano a sgretolarsi, il loro viaggio continua. Ringrazio Morettino per avermi dato l’opportunità di poter raccontare la mia terra esponendo le bandiere realizzate con i legni che hanno trasportato sogni e speranze e che ora testimoniano che, al di là delle bandiere, siamo un unico popolo da proteggere”.

“Un segnale di grande attenzione e sensibilità. Un segno del grande cambiamento culturale di Palermo che sempre più si afferma come Capitale delle culture e Capitale dell'accoglienza – dichiara il sindaco di Palermo Leoluca Orlando - Questa manifestazione assume un significato ed una valenza ancor di più importanti oggi, in questi giorni in cui si torna a parlare e a praticare la chiusura delle frontiere e la chiusura all'umanità. Alla famiglia Morettino e a Nino Raso un ringraziamento speciale, perché ci ricordano l'importanza e la possibilità di "restare umani", di continuare a credere e costruire un mondo ed un futuro migliore partendo dal ricordo di ciò che è stato; un mondo ed un futuro nei quali la solidarietà, l'accoglienza, l'incontro e la contaminazione fra le culture sono valori quotidiani”.

“La partnership tra la Fondazione Teatro Massimo e Morettino è nata sulla base della condivisione di alcuni valori e di un progetto comune – spiega il sovrintendente del Teatro Massimo Francesco Giambrone - La collaborazione riceve il più bel suggello possibile con il concerto del Coro di voci bianche e del Coro Arcobaleno che accompagnano la presentazione della mostra Flags-MalMediterraneo, organizzata in seno allo spazio produttivo di Morettino. Una grande istituzione culturale e una realtà imprenditoriale con una spiccata sensibilità sociale si incontrano nel segno della partecipazione e dell’inclusione, particolarmente importanti nell’anno di Palermo Capitale Italiana della Cultura e sede di Manifesta12. Il Coro Arcobaleno del Teatro Massimo, nato in collaborazione con la Consulta delle Culture, si è rivelato un fondamentale strumento di integrazione per i giovanissimi che ne fanno parte e per le loro famiglie”.

ALCUNE FOTO DEL VERNISSAGE


(Aicha Fuamba)


(Il coro Arcobaleno e le Voci Bianche del teatro Massimo)


(Gabrio Bevilacqua)








(Martino Lo Cascio)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search