Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 06 Aprile 2020
di Giorgio Vaiana

Emergenza Covid-19, gelate notturne in primavera e l'inverno siccitoso lasciano il segno anche in anche un rito storico come quello della spremitura delle uve Nosiola per il Vino Santo Trentino Doc e la raccolta delle mele in Alto Adige.

Il rito della Spremitura è tradizionalmente svolto in occasione della Settimana Santa, e segna il passaggio dalla fase di appassimento dei migliori grappoli di Nosiola raccolti in Valle dei Laghi, alla lunghissima fase di fermentazione e maturazione di questo vino dolce raro e prezioso. Quest'anno, a causa delle norme di distanziamento sociale imposte dall'emergenza Coronavirus, il rito della Spremitura non si è potuto svolgere nella sua forma pubblica. Ma i Vignaioli del Vino Santo non hanno desistito, e hanno organizzato diversi piccoli riti, svolti in forma privata all' interno delle singole aziende, o - lì dove possibile, come a Santa Massenza - al confine tra le stesse.

Intanto una distesa di luci salva-mele illuminano i campi in modo suggestivo in queste notti in Alto Adige - Südtirol. Nei meleti ordinatamente disposti lungo pendii e colline i frutticoltori del consorzio Vog ricorrono a sistemi antibrina per scaldare le piante in fiore e proteggerle dal gelo di questa primavera con forti escursioni termiche. "In questo periodo dell'anno le notti con temperature sotto lo zero possono provocare danni importanti ai nostri meleti", spiega Walter Pardatscher, direttore generale del Consorzio Vog. "Le gelate primaverili potrebbero distruggere le delicate gemme dei meleti e compromettere parte della produzione sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo". Se questo non succede è perché quando arrivano le ore notturne, e con esse il rischio delle gelate, una specifica App dà l'allarme a tutti gli agricoltori del Consorzio che si attivano immediatamente".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search