Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 02 Giugno 2020
di Giorgio Vaiana
Francesca Landolina e Salvo Foti

“C’è modo e modo di fare viticoltura”. A portarci con lui sull’Etna, durante il nostro Wine Moment, è Salvo Foti, definito dal New York Times come il più importante agonomo ed enologo siciliano e oggi a capo de I Vigneri.

Insieme alla nostra Francesca Landolina si è cercato di ripercorrere le tappe che hanno portato l’Etna ad essere quella che è oggi, intesa come territorio enologico. “Se si vuole fare una viticultura lavorando in modo moderno e meccanizzato si avrà un determinato risultato - spiega Foti – ma c’è anche un tipo di viticultura che tiene alla custodia e alla tutela del territorio. Quest’ultima è un tipo di viticoltura che necessita esperienza. Alcuni vini, ad esempio, certi anni noi non li abbiamo fatti uscire perché non ritenevamo ci fossero i livelli qualitativi che solitamente garantiamo. E l’esperienza non la si apprende con corsi e lezioni, ma sul campo”.  Foti è anche autore del libro “Etna. I vini del vulcano”, giunto alla sua terza edizione, e in cui parla dei cambiamenti sostanziali avvenuti sul territorio dell’Etna. “Una volta c’erano delle stagioni “normali” - spiega - adesso invece sono aumentati i venti, ci sono dei cambiamenti repentini ed è aumentata molto l’umidità. Quando si faceva in questo periodo la potatura verde si iniziava di mattina molto presto, e le foglie che cadevano già intorno alle 11 diventavano secche, adesso invece restano umide. Non ci sono quei caldi asciutti. Oggi abbiamo la capacità di capire come sarà il tempo durante la settimana, quindi possiamo dedurre se tenere l’uva un giorno in più o no”.

E da esperto del territorio, Foti illustra come andrebbe tutelato. “Se uno va ad assaggiare i vini dell’Etna alla cieca, anche se di una stessa contrada, li troverà diversissimi tra loro perché tutto ciò dipende dalle differenze legate al metodo di produzione. Bisogna avere un denominatore comune. Spesso vedo vini rossi dell’Etna che invece sono dei rosati un po’ marcati. Si parla di territorio, conservazione, rispetto, ma nel momento in cui uno pianta ad alberello si capisce la differenza. Bisognerebbe promuovere questo metodo per questo motivo, per tutelare davvero il nostro territorio. Se fai l’alberello tra l’altro, e lo fai con la plastica, stai solo danneggiando il suolo - aggiunge - quando potresti usare la rafia, la zammara o la ginestra. Tutti parlano di Etna e di difesa dell’Etna, ma c’è gente che usa pali in ferro, che non è sicuramente come usare un palo in castagno. Oggi abbiamo la possibilità di scegliere quello che vogliamo fare e chi vogliamo essere, è un fatto culturale e il vino dev’essere cultura. Partendo da questo valore, la cultura ha bisogno di cura, bellezza e moltissimo tempo. La mia fortuna, e quella dei miei figli, è di vivere un territorio che gode di una grande cultura”.

E sull’allargamento della Doc? “Dovremmo partire intanto da concetti precisi, con uno studio che non si può fare in due giorni – ha spiegato - Noi ci troviamo ad oggi con la Doc più antica in Sicilia, che ha 50 anni, quindi un punto fermo per il consumatore. Se andiamo a vedere la storia siciliana delle Doc vedremo che nel giro degli ultimi 30 anni è cambiato tutto, e non si capisce come. Da un lato direi che si dovrebbe allargare perché ci sono delle zone che meriterebbero di rientrarci, dall’altro rischiamo di allargarla troppo”. E di questo periodo, la mancanza dei turisti si sente eccome… “Ci mancano molto i turisti, i visitatori. Per molte aziende sull’Etna è anche modo di fare business, per noi invece era semplicemente accogliere la persona, avere un contatto con loro, passeggiare insieme nel vigneto. Riuscivamo a comunicare umanamente quello che facciamo, e questo ci manca”.

Giorgia Tabbita


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search