Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 04 Maggio 2011
di Redazione

Nei suoi piatti Maria Rina, del ristorante “Il Ghiottone” nel Salernitano, usa molto il pomodoro. “Rende le ricette più vitali”. Ne proporrà alcune su Cronache di Gusto

Una lady chef che ama dare colore ai propri piatti. Ecco perché Maria Rina, nuovo volto della rubrica “Le ricette degli chef” di Cronache di gusto non potrebbe mai rinunciare, ad esempio, al pomodoro che inserisce sempre nei piatti serviti ai clienti del suo “Il Ghiottone”.

Il ristorante, che si trova a Santa Marina, in provincia di Salerno è stato definito dalla guida “I ristoranti d’Italia” dell’Espresso “una certezza tra Palinuro e Maratea”. E proprio della posizione geografica parla la stessa Rina che dice: “Mi trovo esattamente alla finde della coda del Cilento fra Campania e Calabria. C’è solo una piccola striscia di Basilicata che ci divide. Un territorio periferico, dunque, dove è stato ancora più difficile portare avanti il mio lavoro”.
Ciononostante i piatti della lady chef sono contraddistinti dalla passione per la cucina che, guarda caso, è stato un fil rouge della propria vita: “Ero la prima figlia femmina in casa e sin da piccola aiutavo la mamma in cucina. Però c’era qualcosa dentro di me, un’ispirazione che mi trasportava quando mi mettevo a lavorare per qualche pranzo speciale. Ed ancora oggi questo qual cosa riesce a farmi fare delle creazioni che io stessa mi chiedo da dove vengano”.
Per Maria Rina la cucina è espressione di se stessi ecco perché ogni piatto deve essere fatto con naturalezza: “Il piatto deve piacere prima a me – dice -. Ogni pezzo dev’essere sistemato con semplicità e spontaneità, come se fosse
caduto dal cielo. Amo i colori – conclude -. Le mie preparazioni non devono essere anemiche, al contrario le desidero quanto più vitali. Ecco perché il pomodoro come ingrediende o come colore, lo metto dappertutto, a volte uso anche i petali di alcuni fiori per i miei piatti”.

Pi. Zag.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

1) Uovo in camicia tra sapori lucani

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search