Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 08 Febbraio2021
ph DoctorWine

di Daniele Cernilli, DoctorWine

Ho conosciuto Bruno Giacosa nel febbraio del 1980, a Percoto, in occasione di una delle prime edizioni del premio Risit d’Aur dei Nonino.

Ero con Veronelli con il quale all’epoca collaboravo e avevo appena 25 anni. Durante un pranzo venne servito un vino che, pur essendo io alle prime armi, considerai fantastico. Dissi a Gino Veronelli: “Però, davvero buono questo Nebbiolo”. Lui mi rispose: “Disgraziato! Questo non è un semplice Nebbiolo, questo è il Barbaresco Santo Stefano di Neive del ’71”. Di fronte a me c’era un signore con gli occhiali che sorrideva assistendo alla scena. Era Bruno Giacosa. Mi scusai, mi complimentai e iniziammo a parlare dandoci del “lei”, cosa che poi è continuata per tutto il tempo nel quale ho avuto il piacere e la fortuna di conoscerlo. Giacosa, come molti sanno, è stato uno dei personaggi chiave del mondo di Langa. Per molti anni oltre a selezionare uve per la sua azienda - Barbaresco (la cantina è a Neive), Barolo, ma anche Arneis, del quale fu tra i primissimi produttori, e uno Spumante Metodo Classico da uve pinot nero, acquistate in Oltrepò Pavese - lavorò come consulente principalmente per Fontanafredda, per la quale procurava grandi quantitativi di uve nebbiolo in Langa.

Fino al 1996, quando acquistò Falletto di Serralunga, si avvalse di conferitori storici, che gli fornivano le uve ma coltivavano le vigne sotto la sua attenta supervisione. Aveva perciò un’esperienza unica e una conoscenza dei vigneti di Langa che forse nessun altro poteva vantare. Di aneddoti sui suoi vini ne potrei raccontare moltissimi. Uno riguarda un vino che non viene più prodotto, il Barolo Riserva Collina Rionda, e in particolare quello del 1982 che fu leggendario. Nel corso di una finale per l’assegnazione dei Tre Bicchieri eravamo a Bra, al ristorante Boccondivino, sede storica di Arcigola e poi di Slow Food prima dell’Agenzia di Pollenzo. C’erano, oltre al sottoscritto, Gigi Piumatti, Piero Sardo e Carlo Petrini, che allora era un fiero supporter dei "Barolo Boys" e del nuovo modo di vinificare che quel gruppo portava avanti. I produttori “tradizionali” non dico che venissero sottovalutati, ma ai nostri occhi erano più interessanti e “nuovi” quelli, allora giovani come noi tutti, che cercavano di fare i vini di Langa in modo diverso. Durante una degustazione, rigorosamente alla cieca, un vino divise la commissione. Io lo apprezzavo, gli altri meno. Però Petrini a un certo punto disse: “Fermi tutti, questo è un grandissimo vino. O lo premiamo o io mi incateno al tavolo finché non vi convinco”. Lo premiammo, per fortuna, ed era proprio il Collina Rionda dell’82.

Ma perché per un vino del genere ci dovevano essere discussioni? Perché, come ho provato a spiegare nell’editoriale dedicato alla degustazione cieca, certi vini si concedono con più lentezza. Hanno eleganza straordinaria, grande longevità, ma la struttura è meno impattante, sono più austeri, e in degustazione coperta rischiano di non essere capiti se non si presta loro la dovuta attenzione. Quello fu un caso emblematico, ma è spesso così per molti vini di Giacosa e anche di altri grandi protagonisti della tradizione langarola. Personalmente adoro i Barolo e i Barbaresco di Giacosa, specialmente quelli con l’etichetta rossa, che lui, e ora sua figlia Bruna, concedono solo a quei vini che ritengono particolarmente buoni. E credo che siano tra i più grandi vini del mondo. E come tutti i più grandi vini del mondo, da quelli di Rousseau alle grandi riserve di Biondi Santi, si esprimono in eleganza più che per la potenza e la grande struttura. Corrono la Maratona e non i 1.500 metri. E nel tempo riescono a raggiungere vette di complessità irraggiungibili per altri. Sono cose che s’imparano col tempo, ascoltando quei vini con attenzione e rispetto, e con la consapevolezza che se non li si capisce forse è un limite di chi li assaggia.

doctorwine.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search