Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 19 Aprile2021
ph Vincenzo Ganci

di Daniele Cernilli, DoctorWine

Karl Otto Apel e Jurgen Habermas la definivano “etica del discorso”, Guido Calogero “volontà d’intendere”.

In entrambi i casi si tratta dell’esigenza di comprendere e di essere compresi all’interno di un rapporto di dialogo, cioè le regole di un “onesto, chiaro e non ambiguo parlare”. È un principio etico generale, e si adatta perfettamente anche al modo con il quale si usano i linguaggi specifici e anche quello che riguarda il vino. C’è un dibattito, infatti, nel nostro mondo che analizza e talvolta contrappone atteggiamenti che in qualche modo confliggono. C’è un linguaggio gergale, tecnicistico, autoreferenziale e respingente che viene utilizzato da chi vuole ricoprire un ruolo da guru, marcando, spesso in modo improprio, la differenza fra chi sa, o dovrebbe sapere, e chi non sa. E passi quando ci troviamo effettivamente davanti a grandi conoscitori, che magari per una civetteria culturale, non si pongono il problema di risultare i più comprensibili possibile anche da chi sa meno di loro. Talvolta però si ammanta di un significato “alto” anche un linguaggio solo gergale e pressappochista, nascosto dietro parole incomprensibili o semplicemente prive di senso concreto, qualche volta veri deliri di oscurità comunicativa.

Al contrario c’è chi prova a comunicare, a condividere, a farsi capire, a fornire a chi ascolta gli strumenti per poter capire. Spiegando i termini che usa, provando a rendere più comprensibile il proprio linguaggio, semplificando in modo utile e corretto, ma anche “etico”, proprio nel modo nel quale intendevano il termine Apel, Habermas e Calogero. Credo che se volessimo davvero fare un’operazione positiva nei confronti del mondo del vino, dovremmo seriamente fare i conti con questi temi. Dovremmo capire che se c’è qualcosa da cambiare, e profondamente, nel modo di comunicare il vino, questo sta proprio in un linguaggio diverso, più chiaro, che divulghi in modo comprensibile, pur mantenendo tutti i crismi della coerenza scientifica. Abbiamo molti esempi di questo in altri campi. Penso a quello che in Italia hanno fatto Philippe D’Averio nell’arte, Alberto e Piero Angela in molti settori, e poi Mario Tozzi, Alessandro Barbero, persino Vittorio Sgarbi. In passato ci sono stati dei veri giganti della divulgazione, come David Attenborough in Gran Bretagna e Folco Quilici da noi. Mi sono sempre chiesto come mai fosse possibile spiegare cose molto complesse con efficacia in molti settori, mentre sembra decisamente più difficile nel campo del vino, anche se personalmente ci provo da tanti anni. E di risposte convincenti non riesco a trovarne.

doctorwine.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

4) Gelato allo zafferano di Reggio Calabria, anice e terriccio salato alle mandorle

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search