Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 07 Settembre2020
Daniele Cernilli - ph Vincenzo Ganci

di Daniele Cernilli, DoctorWine

Le tre edizioni della nostra guida (italiana, inglese e tedesca) sono ormai in stampa, possiamo quindi tirare qualche somma e fare qualche considerazione.

La settima edizione della Guida Essenziale ai Vini d’Italia è stata la più difficile da realizzare. I motivi potete facilmente immaginarli. In un periodo drammatico come quello che stiamo vivendo è stato molto complicato realizzare assaggi, valutare vini, visitare aziende. Molte grandi manifestazioni sono state annullate e la possibilità di degustare vini in quelle occasioni semplicemente non c’è stata. Il sottoscritto e i suoi collaboratori hanno lavorato con meno possibilità di confronto diretto, e inoltre in diversi casi alcuni produttori hanno presentato gli stessi vini dell’anno passato. Il sostanziale crollo dell’export, la chiusura di molti ristoranti e di molte enoteche, ha determinato un rallentamento delle vendite con conseguenze molto evidenti. Perciò una pur piccola percentuale dei vini presenti in guida quest’anno, valutabile intorno al 5%, è rappresentata da campioni che avevano già ricevuto una valutazione nella scorsa edizione. Ci è sembrato giusto riproporli perché sono prodotti che saranno disponibili sul mercato per molti mesi ancora, e quindi rimetterli nella nostra selezione rappresenta un servizio per i nostri lettori, oltre che un segno di attenzione per le cantine coinvolte.

Un altro elemento da sottolineare è come abbiamo cercato quest’anno di avere un atteggiamento meno drastico in fatto di premi e di segnalazioni. I “faccini” assegnati sono più che in altre edizioni, e questo per diversi motivi. Il primo è che c’è stata una compresenza di versioni straordinarie, legate a vendemmia particolarmente positive, per i maggiori rossi italiani di riferimento. Barolo 2016 e Brunello di Montalcino 2015 in particolare, ma non solo. Poi, in un momento dove il mondo del vino è anch’esso in difficoltà, ci è sembrato inopportuno spaccare il capello in quattro.

Abbiamo raccontato più che giudicato, e con questo abbiamo cercato di sostenere per come possiamo il mondo che amiamo, e che è quello della vitienologia di qualità del nostro Paese. Giudici, certo, ma sorridenti e appassionati, come chi ci legge e ci onora della sua attenzione. Saremo criticati per questo? Può darsi, ma non ci sembrava il momento di fare la parte dei professori severi e arcigni. Abbiamo perciò provato a valorizzare anche denominazioni meno note ma che stanno crescendo in modo evidente, e comunque tutti i vini ai quali abbiamo assegnato il nostro “faccino” sono tali che “metterci la faccia” non ha comportato forzature.

In ogni caso già essere nella nostra selezione è comunque un premio, visto che i vini presenti sono poco più di tremila e le aziende circa milleduecento. Tra loro però ci sono pressoché tutte le icone del vino italiano, cosa non così comune, e anche questo è un motivo per il quale le valutazioni elevate sono cresciute. Se grandi vini sono presenti in versioni particolarmente emblematiche, è ragionevole e persino doveroso prenderne atto e premiarli.

doctorwine.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search