Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 15 Novembre2020
Piergiorgio Mangialardi con lo staff dell'albergo della salute

di Michele Pizzillo

Senz’altro è un grido di dolore quello di gestori di alberghi, bar e ristoranti che, come ne sono a conoscenza tutti, protestano, gridano, insistono a dire che sono in profonda crisi fin dallo scorso mese di febbraio.

Ma, crediamo, che sia prima di tutto un appello in un certo qual senso di ottimismo perché lo vediamo finalizzato a salvare – e, contestualmente, senza perdere l’obiettivo del rilancio – il turismo italiano che registra un calo del fatturato di oltre l’80% rispetto all’anno scorso e con molte attività addirittura chiuse. Da queste considerazioni e dalla constatazione che è impossibile per i gestori pagare gli affitti dei locali dove svolgono la loro attività, parte la petizione #salviamoalberghibareristoranti promossa da Piergiorgio Mangialardi, ceo AllegroItalia & Condò, una catena di 16 strutture ricettive presenti in tutta Italia, e che è stata fra le prime ad assicurare soggiorni in sicurezza nonché a pensare – nel mese di maggio - ad un “grande albergo della salute” a Torino (Golden Palace) e a Bologna addirittura con prelievi del sangue e test seriologici fatti in albergo e dotazione di mascherine ffp2. Da qualche mese Mangialardi è anche presidente dell’associazione degli Alberghi Storici d’Italia.

Dice Mangialardi: "Se c’è una riduzione di valore di un bene o servizio, di conseguenza deve esserci una riduzione del prezzo di fruizione di tale bene o servizio. I crediti di imposta proposti dal governo italiano non sono sufficienti per permettere la continuità aziendale delle imprese del settore alberghi, bar e ristoranti. Questi coprono solo una minima parte dei costi fissi”.

Lei cosa propone?
“Bloccare gli sfratti; bloccare i decreti ingiuntivi che obbligano i gestori di alberghi, bar e ristoranti di pagare l’affitto per i mesi in cui tali attività sono rimaste vuote. Chiediamo anche al governo di ‘ristorare’ i proprietari degli immobili perché anche loro stanno subendo un danno”.

Qualche decisione la magistratura l’ha adottata.
“Si, alcuni Tribunali, come ad esempio Roma, hanno applicato il principio del quanti minoris, ovvero l’equa riduzione del prezzo di fruizione del bene o servizio che ha visto ridurre il proprio valore. Il Tribunale di Roma ha concesso uno sconto del 40% sul canone di affitto di alberghi e ristoranti del Comune di Roma. Inoltre ha concesso, in altri casi, di poter pagare il canone in modo diluito nel corso dei prossimi anni”.

Non basta?
“È una situazione di grave emergenza che richiede l’intervento urgente altrimenti tutti gli alberghi falliranno; tutti i bar chiuderanno e tutti i ristoranti andranno in profonda crisi. In Italia tra alberghi, bar e ristoranti lavorano oltre un milione di persone con un ulteriore indotto di un altro milione di addetti. Perciò, chiediamo al Consiglio Superiore della Magistratura e al governo di intervenire in tal senso”.

E, così, Mangialardi si fa promotore di una petizione rivolta al Consiglio Superiore della Magistratura, a tutti i Tribunali Italiani, ai rappresentanti del Governo e delle Istituzioni Regionali per chiedere, sottolinea “con umiltà ed equità l’applicazione del principio quanti minoris certi che possano comprendere la portata della problematica in termini anche di perdite di posti di lavoro”. E, aggiunge il ceo di AllegroItalia & Condò, ogni firmatario della petizione, aiuta il turismo italiano a rinascere. Invitando tutti a condividere la petizione cliccando in questo link.  "Più saremo, più possiamo sperare di contare ma, anche, di guardare con una certa fiducia al dopo pandemia", conclude Mangialardi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search