Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 28 Giugno2021
Vigneti nel Chianti Classico

di Daniele Cernilli, DoctorWine

La nuova regolamentazione con la quale il Chianti Classico si è dotato delle Unità Geografiche Aggiuntive (Uga), che sono nei fatti delle denominazioni comunali o comunque territoriali, è solo l’ultima di una serie che ha visto già operare in questo senso i produttori di Langa, di Soave, di Romagna, di Bardolino o di Montepulciano con le Pievi, per fare degli esempi.

È una tendenza a mio parere molto positiva perché mette in primo piano l’importanza del territorio in modo più preciso e centrale e, soprattutto, non retorico e fondato su elementi solidi. Del resto se i vitigni possono essere piantati e coltivati anche in zone diverse da quelle di origine o comunque tradizionali, e l’esempio di quelli cosiddetti “internazionali” che inizialmente appartenevano alle sole regioni di Borgogna, Bordeaux o Loira è piuttosto evidente, i territori restano fortunatamente dove sono e nessuno può replicarli altrove. Tutti i vini di alta qualità devono rappresentare una loro unicità per essere tali, e l’appartenenza a un certo territorio determina proprio questo. Perciò benissimo così e continuiamo laddove fosse possibile. Questo significa però darsi delle regole condivise, controllabili e soprattutto praticabili per tutti i produttori, e significa anche comunicare ai consumatori in modo chiaro un messaggio così impegnativo. Perché aggiungere un nome in più in etichetta significa anche rendere più difficile il compito per chi poi quell’etichetta deve leggerla e capire cosa significa. Non tutti conoscono profondamente la geografia e credo siano in pochi a sapere dove siano Vagliagli o Montefioralle, che differenze pedoclimatiche possano esserci e come tutto questo si esprima nelle caratteristiche riscontrabili nei vini. E se questo accade in Italia, immaginiamo cosa potrebbe succedere negli Usa o in Cina.

D’altra parte se vi chiedessi a bruciapelo se si trova più a nord Filadelfia o Baltimora, che sono due importanti città della East Coast americana, credo che ben pochi saprebbero rispondere su due piedi. Ed è una cosa relativamente facile. Se iniziassi a chiedere in quale comune del Barolo si trova il vigneto Villero già la cosa sarebbe più complicata. È vero, in Borgogna o in Mosella le cose sono addirittura più complicate, ma lì certe denominazioni esistono da secoli e sono entrate nella memoria di generazioni di appassionati di vino. Da noi le cose sono più recenti e accanto alle Uga o alle Mga bisogna fare delle operazioni di comunicazione nei confronti del pubblico, cosa da non sottovalutare, pena la perdita di efficacia sostanziale di un’operazione che invece è e dovrà essere molto importante per il vino italiano.

doctorwine.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search