Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 02 Marzo2020
Alessandro Dettori

C'è attesa nel mondo degli addetti ai lavori. Lo spostamento del Prowein di Dusseldorf, comunicato qualche giorno fa (leggi questo articolo), ha messo in allarme soprattutto i produttori italiani che adesso puntano i loro occhi in direzione Verona, per capire cosa succederà per il Vinitaly, previsto dal 19 al 22 aprile.

L'associazione ViTe, Vignaioli e Territori, ha inviato un test ai suoi contatti per capire il sentiment di questi giorni, ossia la preoccupazione di una eventuale cancellazione della fiera veronese ed un'eventuale rimodulazione. Ma soprattutto per capire se, in caso di conferma, si potrà garantire un flusso diciamo "normale" di visitatori, che lo scorso anno ha superato quota 150 mila presenze. "Non ho la più pallida idea di quello che accadrà - dice Alessandro Dettori di Vite - E' una cosa che va oltre la nostra immaginazione, nel senso che stiamo parlando di cose più grandi di noi. Posso solo dire che i veritici di VeronaFiere hanno fatto benissimo a confermare le date del Vinitaly 2020, perché bisogna avere fiducia nel sistema paese. Ma da qui ad aprile può succedere di tutto. Io comunque sono fiducioso delle misure messe in campo dal sistema sanitario nazionale per contrastare il coronavirus".

Secondo Dettori, l'Italia non ne sta uscendo bene a livello di immagine: "Stiamo facendo un po' la figura dei cialtroni - dice - Ci sono dei distributori, poi, che stanno chiedendo ai produttori italiani di non andare ai tasting organizzati all'estero, mentre restano confermati quelli con i produttori francesi. Ecco perché secondo me è giusto che Vinitaly tenga in piedi la speranza del mondo del vino italiano mantenendo confermate le date. Ancora c'è un sacco di tempo". La decisione improvvisa di spostare il Prowein a Dusseldorf ha sopreso tutti: "Non ce l'aspettavamo - dice Dettori - Biosgnerebbe capire se la decisione è stata presa per un reale problema tedesco, oppure se hanno paura dei contagi in arrivo dal'Italia o dai paesi asiatici. In ogni caso a decidere è stato il governo tedesco, gli organizzatori di Prowein c'entrano poco o nulla".

Troppo presto per azzardare previsioni sul Vinitaly: "Se dovessere crescere in questi giorni i focolai in maniera esponenziale, la decisione del rinvio sarebbe inevitabile - dice Dettori - Per ora, però, mi pare prematuro parlarne. In Sardegna in questo momento siamo spettatori. Ma giorni fa, quando si era diffusa la notizia di un possibile contagio, è scattato il panico e la diffusione a caso di notizie senza un fondo di verità. Io non sono spaventato. Sono solo preoccupato per le persone a me vicine che non stanno benissimo e soprattutto per le rotture di scatole di una eventuale quarantena". Ma del rinvio del Vinitaly Dettori non ne vuole parlare: "Noi dobbiamo andare al Vinitaly nelle date fissate, non c'è altra soluzione - dice - E se questo avverrà, vuol dire che l'economia italiana si sta riprendendo. Perchè se dovessero rinviare anche il Vinitaly, la crisi finanziaria italiana sarà peggio di quella del 2008".

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search